Canada, spari davanti al parlamento di Ottawa: colpito almeno un soldato: evacuati gli uffici, ucciso il cecchino

ImmagineCanada sotto attacco. Tre sparatorie ci sono state oggi a Ottawa, la capitale, un soldato è morto assieme a un assalitore. Si indaga sull’ipotesi che possa trattarsi dell’azione d’un commando. Le sparatorie sono avvenute la prima davanti al National War Memorial, la seconda al Rideau Centre e la terza in Parlamento. Tutti gli edifici fanno parte del complesso governativo noto come Parliament Hill.

Un soldato canadese è stato colpito da proiettili di pistola esplosi fuori dal parlamento, poi circondato dalla polizia, ed è morto. Altre due persone sono state ferite. L’uomo che ha sparato all’interno del Parlamento canadese sarebbe stato ucciso. Le persone armate coinvolte negli spari esplosi dentro e fuori del Parlamento canadese sono due o tre.La polizia starebbe indagando su più scene del crimine in cui sarebbero stati esplosi colpi di arma da fuoco. Sui tetti del Parlamento sono appostati i cecchini e gli agenti stanno controllando, porta a porta, tutte le abitazioni della zona. Le scuole dell’area sono state poste in ‘lockdown’ e tutte le auto in uscita dalla città di Ottawa vengono controllate. Al momento degli spari in Parlamento erano presenti, oltre al premier Stephen Harper, anche i leader degli altri due principali partiti politici canadesi. Si sospetta che siano terroristi islamici.

«L’assalitore è morto, stiamo bene». Così, in un tweet, il deputato canadese Bob Zimmer ha riferito di quanto sarebbe avvenuto all’interno dell’edificio del Parlamento di Ottawa. Il tweet del deputato è stato pubblicato una cinquantina di minuti fa e sembrerebbe contrastare, nella sua tempistica, con quanto riferito da altri testimoni. Nel frattempo, mentre quanto affermato da Zimmer non ha ancora avuto conferme ufficiali, un giornalista che si trova all’interno del Parlamento di Ottawa, citato dalla Cnn, ha riferito di aver visto un «corpo immobile» steso a terra.

Un’ora prima si era aperta la caccia al cecchino. Massima preoccupazione dopo che ieri un soldato canadese era stato ucciso e uno ferito da un estremista islamico a sua volta ucciso.

L’area del Parlamento è stata completamente isolata e circondata dalle forze dell’ordine, mentre alcune immagini postate sui social media mostrano i soccorsi al soldato colpito di cui non si conoscono al momento le condizioni. Non sembrerebbero esserci per ora altri feriti. L’ufficio di Stephen Harper ha reso noto che il premier ha lasciato il palazzo, hanno detto la tv locali. Secondo la polizia canadese, lo sparatore è in fuga.

Il Comando di Difesa Aerospaziale del Nord-America (Norad) ha aumentato il numero dei suoi aerei in stato di allerta, pronti a intervenire se necessario, dopo le tre sparatorie avvenute ad Ottawa, in Canada. Lo riferiscono i media americani.

Anche l’ambasciata d’Italia ad Ottawa, al pari degli edifici del governo canadese e delle scuole, è stata chiusa per precauzione in seguito alle sparatorie avvenute oggi dentro e fuori il Parlamento canadese. L’ambasciatore Gian Lorenzo Cornado è bloccato al Convention Center della capitale canadese dove è in corso una riunione con esponenti del governo sulle applicazioni alla regione dell’Artico delle ultime scoperte della scienza.

Fonte Il Messaggero

Roma, 22 ottobre 2014

DE