Girone compie gli anni, gli auguri sui social al fuciliere della Marina

Rientro in Italia dei marò Salvatore Girone e Massimiliano LatorreTerzo compleanno in India per Salvatore Girone, uno dei due marò italiani accusati di aver ucciso due pescatori indiani in una missione antipirateria. Dopo il rientro in Italia per malattia dell’altro fuciliere di Marina Massimiliano Latorre, Girone festeggia oggi la ricorrenza in India insieme alla moglie e ai figli.

Sulla pagina Facebook della moglie Vania si moltiplicano i messaggi di auguri: colleghi e gente comune che colgono l’occasione per sostenere il marò e la sua famiglia. “Buon compleanno Salvatore con l’augurio di poterti presto riabbracciare in Italia”, scrive Elio Vito, presidente della Commissione Difesa della Camera. Oltre ad occuparsi della vicenda, si è recato a casa di Massimiliano Latorre appena tornato dall’India a causa della sua malattia. “E’ un momento importante e delicato, per questo il governo ha chiesto riserbo – dice Vito all’Adnkronos – Cerchiamo di stare il più vicino possibile a loro e alle famiglie sperando che la situazione si risolva presto e che sia l’ultimo compleanno lontano da casa”.

“Auspico che Salvatore possa far rientro al più presto in Italia”, aggiunge Vito Alò, delegato del Cocer (Consiglio Centrale di Rappresentanza), rivolgendo al fuciliere della Marina i propri auguri e quelli dei marinai italiani”.

“Gli auguri sono un modo per ricordare a Salvatore che siamo tutti con lui”, dice l’ammiraglio Guglielmo Nardini, presidente del Gruppo nazionale Leone di San Marco, che ha sentito recentemente la famiglia del marò: “So che resiste perchè ha la tempra forte. E’ uno dei pochi – ribadisce – che continua a tenere alto l’onore della Nazione”.

Arrivano dall’ammiraglio Paolo Pallotta, presidente dell’Associazione Nazionale Marinai d’Italia gli auguri dei marinai italiani “che seguono la tua vicenda – dice rivolgendosi a Salvatore Girone- con grande apprensione”. “Sono affranto, scoraggiato – spiega – e incerto fra un tentativo di credere che questo silenzio delle autorità sia dovuto a trattative in corso e un sentimento di ribellione per uno Stato così imbelle nei confronti di due suoi soldati”.

Roma, 23 ottobre 2014
Adnkronos
AL