Gli italiani pigri si fanno sfuggire le migliori offerte

trafficoSecondo una ricerca Skyscanner il periodo migliore per prenotare è tra le 3 e le 4 settimane in anticipo. Ma il 73% non lo fa e paga di più

Viaggiare risparmiando si può, basta prenotare con largo anticipo. Può sembrare scontato, eppure il 73 per cento degli italiani fa “volare via” le migliori offerte per le vacanze. Il dato emerge da una recente indagine condotta da Skyscanner – tra i leader mondiali nella ricerca di viaggi online – e basata su uno studio accurato del comportamento degli utenti del portale relativo alle prenotazioni effettuate negli ultimi tre anni. Sette settimane di anticipo è in generale il periodo più economico con partenze dall’Italia per fare “affari”, rivela l’analisi di Skyscanner: questo consente al viaggiatore un risparmio medio del 13 per cento. Al contrario, 21 settimane di anticipo creano il periodo più caro per effettuare la prenotazione di un volo. Considerando i vari mercati, a livello globale il periodo migliore per prenotare è compreso in media tra le 3 e le 4 settimane in anticipo. E ancora, secondo l’indagine di Skyscanner, il mese di maggio è quello più conveniente per partire dall’Italia (il risparmio è sempre del 13 per cento rispetto a partenze effettuate in altri mesi dell’anno). Più nel dettaglio, la quinta settimana dell’anno è la più economica di tutte (consente un risparmio del 17 per cento rispetto alle altre). Sempre dalla ricerca affiora con sorpresa un altro dato importante. Infatti, per assicurarsi la vacanza “intelligente”, il viaggiatore dovrà sempre comportarsi nei confronti di alcune destinazioni europee come se dovesse raggiungere destinazioni di lungo raggio. Ad esempio, se si parla del Portogallo, che nell’ultimo anno ha visto crescere l’interesse da parte degli italiani del 30 per cento, si dovrebbe prenotare con 18 settimane di anticipo: più o meno lo stesso anticipo che si richiede nel caso di una meta come gli Stati Uniti. Facendo in questo modo i visitatori avranno risparmiato mediamente il 35 per cento sul prezzo medio del biglietto (pari a circa 85 euro). Prenotazioni con largo anticipo anche per la Francia, mentre per la Spagna – leader tra le destinazioni estere per gli italiani – il periodo di anticipo richiesto per prenotare dalla data di partenza è di sei settimane. Per quanto riguarda il Regno Unito, invece (la cui capitale è risultata essere la più visitata nel 2013), si parla di sette settimane di anticipo. In tal caso i viaggiatori andrebbero incontro fino a un risparmio del 43 per cento sul costo medio del biglietto (circa 92 euro). Infine, per una vacanza in Grecia, sei settimane di anticipo sulla prenotazione del volo porterebbero a un risparmio del 34 per cento (circa 91 euro). Optando per la stessa meta a maggio piuttosto che ad agosto (mese più caro) si arriva a un risparmio pari al 57 per cento. “Ogni viaggiatore ha le sue esigenze e le sue priorità, ma ci sono delle accortezze che possono rendere la ricerca del viaggio più facile e divertente e valgono per tutti – afferma Caterina Toniolo, senior marketing manager Sud Europa di Skyscanner – Ad esempio è molto utile iscriversi ad un ‘avviso prezzi’ o utilizzare uno widget di Skyscanner per smartphone, in modo da tenere sotto controllo in ogni istante il volo che si è intenzionati ad acquistare, in attesa del miglior prezzo. Un altro consiglio che posso dare è quello di cercare singolarmente i voli di andata e di ritorno, perché non sempre è conveniente acquistarli dalla stessa compagnia”.

Eleonora Sannibale – Il Tempo

lc