Raffiche di vento record, battello spazzino affonda. Disagi e interventi dei Vigili del Fuoco

Maltempo: vento forte piega gli alberi alla periferia di AnconaOre di disagi e danni nel Lecchese e nel Comasco a causa delle forti raffiche di vento che hanno creato non pochi problemi in città (Le foto dei danni del vento). A Como è affondato il battello spazzino della Provincia. L’imbarcazione è affondata a causa delle alte onde che l’hanno investita. Impervia l’operazione dei vigili del fuoco: l’intervento è stato particolarmente complesso a causa del vento che non ha dato tregua al Lario per tutta la mattinata. Onde alte quasi due metri si sono abbattute nella zona del Tempio Voltiano e nell’area vicino alla passeggiata che porta a Villa Olmo.

In tempesta anche il piccolo lago di Pusiano dove la forza delle raffiche ha praticamente distrutto l’ecobattello ormeggiato a Bosisio Parini. In Vallassina le raffiche che hanno superato i 90 chilometri orari hanno provocato danni ai tetti. A Canzo i Vigili del Fuoco sono dovuti intervenire per mettere in sicurezza la copertura di un capannone.

Livello di guardia alto anche nel Lecchese dopo il mercoledì nero con la stazione ferroviaria di Lecco è stata riaperta al transito dopo un black out durato parecchie ore a causa delle forti raffiche di vento che hanno scoperchiato parte di un vecchio edificio all’altezza di via Salvatore Sassi che ospitava quello che era lo scalo merci e i cui detriti del tetto hanno tranciato di netto alcuni cavi di alimentazione del casello. Oggi sono stati effettuati interventi sulla provinciale 72 a Varenna a causa della caduta di alcune tegole.

Lecco, 23 ottobre 2014

Il Giorno

LCSO