Violentata nel vicolo dietro al Duomo, soccorsa all’alba sulle scale del metrò

donna violenza disperazione disperata picchiata abusoUn locale del divertimento, forse una discoteca ma senza precisi riferimenti sul nome, l’indirizzo o quantomeno il quartiere. Un vicolo forse nelle vicinanze del Duomo. Infine uno dei pochi dati certi: gli scalini del metrò di San Babila dove sabato mattina alle sette e mezza, ubriaca, in lacrime, con un principio di congelamento e il rischio un imminente collasso, alcuni passanti hanno trovato una ragazza. E la ragazza ha raccontato che per appunto in un vicolo sarebbe stata violentata da un ragazzo, forse inglese, conosciuto proprio nel locale. Indaga la polizia.

In Italia con l’Erasmus
La presunta vittima ha 24 anni, è di nazionalità spagnola ed è a Milano per il programma di studi universitari Erasmus, che permette di frequentare e dare esami anche in altre nazioni. Gli agenti l’hanno soccorsa e trasferita alla Mangiagalli.

I punti oscuri e il rapporto sessuale
Lunedì mattina la ragazza ha presentato ufficialmente denuncia alla polizia. Ora uno dei primi obiettivi degli investigatori è venire in possesso del nome dell’eventuale locale per parlare con gli addetti alla Security, per chiedere se magari viene loro in mente qualcosa e per esaminare i filmati delle telecamere interne ed esterne. Obiettivo: trovare la ragazza, vedere se qualche amica la accompagnava, vedere con chi s’è agganciata nel corso della serata. Sempre i filmati potrebbero fornire un aiuto nella seconda fase della notte: il centro città infatti è strapieno di telecamere che «osservano» sia i possibili angoli della violenza sia la fuga dell’aggressore. Un rapporto sessuale, come accertato in Mangiagalli, la giovane l’ha avuto, e sembra anche particolarmente violento.

Ubriaca
Forse qualcuno si è approfittato del suo stato di ubriachezza, forse l’hanno attirata in trappola «catturandola» all’uscita di un locale e vedendo che non si reggeva in piedi, che stava male, che aveva disperatamente bisogno d’un aiuto.

Milano, 17 novembre 2014
di Andrea Galli
Fonte Corriere della Sera
AL