‘Ndrangheta: sequestro da 1,6 milioni

DIADue ville, un terreno, auto e conti correnti sono stati sequestrati a Giuseppe Fazari, calabrese trapiantato a Torino, condannato a 8 anni di reclusione nell’ambito del processo Minotauro. È ritenuto dagli inquirenti “capo società” della locale ‘ndrangheta di San Giusto Canavese, nel torinese. Il valore dei beni sequestrati ammonta a circa 1,6 milioni di euro. Giuseppe Fazari è originario di San Giorgio Morgeto in provincia di Reggio Calabria. Nel corso del processo celebrato a Torino con rito abbreviato, oltre agli 8 anni di reclusione i giudici hanno disposto per Fazari anche l’interdizione dai pubblici uffici, e l’applicazione, a pena espiata, della misura di sicurezza della libertà vigilata per tre anni.

Torino, 20 novembre 2014
RAINEWS
AL