Partorisce in bagno e affoga il bimbo nel wc: «Temevo di essere licenziata a lavoro»

20141121_84101_uccide_figlioPartorisce nel bagno dei suoi genitori naffoga il neonato nel water per timore di essere licenziata. Marzena Kowalski, una donna polacca di 30 anni, era terrorizzata a tal punto di perdere il lavoro che ha ucciso il suo bambino.

La giovane donna ha sostenuto di aver avuto un aborto spontaneo, ma l’autopsia dimostò che il piccolo era morto per annegamento.

Dopo l’interrogatorio della polizia Marzena ha confessato, ammettendo di aver ucciso il neonato per paura di essere licenziata.

La donna in tribunale ha raccontato che il suo datore di lavoro non avrebbe mai accettato di metterla in maternità e che l’avrebbe licenziata: «Mi disse che mi avrebbe sparato se avessi avuto un figlio», così la donna, dopo essere rimasta incinta, ha deciso di fare la scelta estrema. I colleghi sono rimasti scioccati: «Non sembrava incinta, durante i nove mesi non ci siamo accorti di nulla».

Polonia, 21 novembre 2014
Fonte Il Mattino
AL