Dopo la pioggia, ecco i topi: il sindaco chiude il cimitero

topoInvasione di topi al cimitero, il sindaco chiude tutto fino a lunedì. Il grande camposanto all’inglese, un giardino con un prato enorme e cippi identici uno all’altro, che svettano defilati in via Italia dalla fine degli anni Settanta, è stato preso d’assalto da decine di colonie di roditori. Tenaci, anzi “intraprendenti”, recita l’ordinanza firmata da Vittorio Mapelli, che dopo i primi avvistamenti, ha chiuso i cancelli. «Tutta colpa della pioggia torrenziale dei giorni scorsi – spiega il sindaco – la proliferazione è stata rapidissima e imprevista».

Un team di esperti, da giovedì, lotta per avere la meglio sui ribelli, proverbialmente furbi. Eluse le trappole, agli “acchiappa ratti” assoldati ad hoc, non è rimasto che buttarsi sulla disinfestazione con esche velenose. «Stiamo combattendo», tranquillizza il primo cittadino. Nel frattempo, è vietato avvicinarsi ai propri cari. «I roditori si sono infilati sotto i cippi vuoti, è l’handicap di un cimitero-giardino come il nostro. Indubbiamente un disagio, sopportabile se paragonato al fatto che l’ambiente non ha nulla di soffocante o sgradevole. Siamo abituati a questa struttura da 40 anni», spiega il capo dell’Amministrazione. Il parco della memoria sarà off-limit almeno fino a dopodomani. Lunedì mattina la task-force comunale farà il punto, poi si deciderà se proseguire o revocare.

«Non metterei mai a repentaglio la salute pubblica – ribadisce Mapelli – niente visite finché non sarà cessato l’allarme». Si teme il contagio. «I topi portano malattie come la leptospirosi e altre infezioni che si trasmettono all’uomo (salmonella, tifo, colera) – ancora il sindaco – e il rischio aumenta quando la popolazione di ratti è molto elevata. È uno strascico del maltempo che a quanto pare non ha smesso di farci tribolare». È cominciato tutto giovedì, quando alcuni visitatori hanno lanciato l’allarme dopo aver notato le pantegane nei vialetti. Ancora a bocca aperta per lo stupore, i grezzaghesi hanno telefonato in Municipio. «Ci sono decine di topi».

Dal palazzo sono usciti subito i tecnici. Che hanno visto coi loro occhi, ora dopo ora, moltiplicarsi il problema. È scattata l’ordinanza: divieto d’accesso. E si è avviato lo “sterminio”. «Dobbiamo pure rimuovere i “cadaveri”», dice Mapelli. Altra operazione delicata dal punto di vista sanitario. Pare che Grezzago non sia l’unico comune dove rane, dopo le piogge torrenziali dei giorni scorsi, e roditori, si siano dati battaglia. In zona sono in corso delle verifiche. «Quei maledetti hanno evitato le trappole – raccontano gli acchiappa ratti – abbiamo dovuto usare le maniere forti. Anche perché l’ordine tassativo è tornare alla normalità il più in fretta possibile, ovviamente». Prima che il problema esca dalla ristretta cerchia del camposanto.
di Barbara Calderola

Grezzago (Milano), 23 novembre 2014

Fonte Il Giorno

LCSO