Germania, ristoratore italiano ucciso a colpi di pistola davanti al suo locale, un arresto

Federal police on patrol Un italiano originario della zona di Vasto, nella provincia di Chieti, Domenico Antonio Battista, 51 anni, è stato ucciso a colpi di pistola in Germania, davanti al suo ristorante-pizzeria. L’omicidio è avvenuto nella località dove Battista aveva aperto la sua attività, a Nieirstein, in Renania vicino a Maniz. La polizia tedesca ha arrestato un 36enne italiano: l’uomo, al momento unico indagato, non è residente nella zona e finora non ha parlato.
“Il 36enne arrestato conosceva personalmente la vittima”, ha riferito la procuratrice generale Andrea Keller, che dirige le indagini sull’assassinio di Domenico Antonio Battista. “Ma – ha aggiunto – per quanto ne sappiamo non lavorava nel ristorante La Casa”, che Battista gestiva da 17 anni insieme al fratello Mario.

La polizia sta indagando in tutte le direzioni e al momento non è esclusa nessuna pista, nemmeno quella della criminalità organizzata mafiosa. Battista, ha spiegato la Keller, è stato raggiunto da colpi di arma da fuoco esplosi fuori dal suo locale, verso l’interno. “E’ l’unica persona colpita – ha detto – non ci sono altri feriti, ma non possiamo ancora dire se è stato un omicidio mirato”.

La mamma: “Voglio sapere la verità” – “Voglio sapere la verità sulla morte di mio figlio Domenico, nessuno me lo può ridare, ma voglio sapere perché lo hanno ucciso in questo modo”. E’ il dolore di Concetta, la mamma del ristoratore ucciso nel suo locale. “Gli ho sempre detto di stare attento e di essere prudente. Ed ora me lo hanno ucciso”, ha aggiunto.

Roma, 3 dicembre 2014
TGCOM
AL