Muore di Hiv per per una trasfusione di sangue infetto

1617837-ospedaleMauro Barzon, il 54enne residente a Tombelle di Vigonovo, vittima nel 1982 di una trasfusione infetta in ospedale, in seguito alla quale aveva contratto una grave forma di Hiv, il virus responsabile dell’Aids, è morto. Barzon, che ha vissuto per oltre trent’anni consapevole della sua condizione di “condannato a morte”, da lungo tempo era in attesa di un trapianto di fegato.
Nei giorni scorsi, riporta il Gazzettino, i medici avevano eseguito alcuni esami clinici e le sue condizioni erano risultate più gravi del previsto per la comparsa di una ulteriore e altrettanto grave malattia. La malattia gli era stata riconosciuta dopo essersi sposato e avere avuto due figli. Da pochi anni gli avevano finalmente riconosciuto una pensione di invalidità e un indennizzo per la trasfusione infetta di 250 euro al mese.

Venezia, 6 dicembre 2014
TGCOM
AL