Ragazzo cheerleader si uccide a 12 anni: i compagni di scuola lo prendevano in giro

roninRonin, 12 anni, si è tolto la vita. Secondo i genitori e i compagni di scuola, il piccolo era stato vittima di bullismo: “Lo deridevano perché era un cheerleader”. E’ accaduto in California. Ronin, poco prima della sua morte, era stato portato via dalla scuola dai genitori, che si erano lamentati per presunti episodi di bullismo ai danni del piccolo.

Il dodicenne partecipava a molte attività extrascolastiche. Tra cui appunto il team di cheerleader. E sarebbe stata proprio l’appartenenza al gruppo quasi esclusivamente femminile di ragazze pon pon il motivo di derisione. “Ho sentito gente – racconta un compagno – che lo chiamava gay solo perché era un cheerleader”.

Emiliano Costa – Il Messaggero
lc