Loris, la disperazione di papà Davide: “Se non scopro la verità divento pazzo”

loris_il_verbale_della_madre_le_tre_incongruenze_rilevate-0-0-426270Mentre proseguino le indagini sulla morte del piccolo Loris, si assiste a un ping-pong di dichiarazioni a distanza tra i genitori, la madre Veronica in carcere, accusata del delitto, il padre fuori, agghiacciato dal dolore e dal sospetto. Ieri Veronica lanciava un appello al marito: “Come puoi non conoscermi?”, oggi lui in qualche modo risponde.

“Se non scopro al più preso la verità su quanto è realmente accaduto, rischio di impazzire”, dice Davide Stival tramite il suo legale, Daniele Scrofani. L’uomo finora non è andato a trovare in carcere a Catania la moglie Veronica Panarello, accusata dell’infanticidio ma che si proclama innocente. Una visita non è prevista nemmeno nei prossimi giorni.

E intanto il legale della signora Panarello riferisce come sta la mamma di Loris: “Lo stato d’animo della signora Panarello è quello di una donna distrutta per la perdita del figlio. E’ distrutta ma allo stesso tempo combattiva”, aggiunge il legale, che sabato ha presentato il ricorso al Tribunale del riesame per ottenere la scarcerazione di Veronica Panarello. La donna è stata trasferita dal carcere ‘Piazza Lanza’ di Catania a quello di Agrigento, in contrada Petrusa.

Ragusa, 22 dicembre 2014
Fonte il Giorno