L’ex pm antimafia Ingroia difende un boss pluriomicida

È il legale del camorrista La Torre, accusato di 40 delitti. Di lui Saviano disse: “È solo uno smargiasso ambiguo”

L'ex pm antimafia Ingroia difende un boss pluriomicida

Antonio Ingroia, l’ex pm antimafia che difende un camorrista. Più d’uno è saltato sulla sedia quando il nome del magistrato che dava la caccia ai capi di Cosa Nostra è risuonato nelle aule del Tribunale di Santa Maria Capua Vetere insieme a quello di Augusto La Torre, fino ai giorni dell’arresto – e pure oltre – boss del clan dei Chiuovi di Mondragone, alleato dei Casalesi ed egemone nell’alto Casertano, nel basso Lazio e lungo la costa domizia tra il 1980 e gli inizi dei Duemila.

Davanti ai giudici sammaritani La Torre – che dietro le sbarre s’è laureato in Psicologia – è comparso da testimone nel processo a carico di Mario Landolfi, imputato di corruzione e truffa aggravata dal metodo mafioso per la vicenda d’un consigliere comunale dimessosi, secondo la Procura, in cambio dell’assunzione trimestrale della moglie in una società di servizi. L’ex ministro s’è sempre detto innocente e La Torre, in videoconferenza, ha smentito avesse contatti col clan, ma a far notizia è stata la nomina del nuovo legale del boss psicologo, poi confermata dal portavoce dell’ex procuratore aggiunto. Quello che, all’indomani del giuramento da avvocato, assicurava: «Per coerenza con la mia storia non difenderò né mafiosi né corrotti». E invece alla fine s’è ritrovato al fianco d’un barone del crimine organizzato, condannato in via definitiva a 22 anni per associazione camorristica e ad altri 9 per estorsione aggravata ed a tutt’oggi sotto processo anche per omicidio. La replica: «Nessuna contraddizione: è un collaboratore di giustizia».

Insomma, un conto sarebbe difendere i mammasantissima tutti d’un pezzo, un altro assistere mafiosi contriti, anche quando, confidando nell’impunità, confessano i peggiori misfatti. Come La Torre, autoaccusatosi di una quarantina di omicidi, con le vittime crivellate di colpi, gettate nei pozzi di campagna e dilaniate con le bombe a mano, per smembrarne i corpi e lasciarli a marcire sotto acqua e terra.

Di sicuro, c’è collaboratore e collaboratore: l’imperatore di Mondragone, detenuto dal 1996, saltò il fosso nel 2003, ma poco dopo la protezione gli fu revocata per un’estorsione. E i Tribunali hanno fin qui preso con le molle le sue dichiarazioni, negandogli sconti di pena, mentre proprio uno degli Ingroia-boys, lo scrittore Roberto Saviano, nel luglio del 2012 ne stroncava l’attendibilità, definendolo su Facebook «un pentito pieno di lati ambigui: smargiasso e feroce, è arrivato a far pentire l’intero clan per ricevere sconti di pena, in cambio della possibilità di uscire tutti dal carcere dopo una manciata di anni e conservare un potere economico legale, avendo ormai demandato il potere militare ad altri. Il boss, pur se pentito, dal carcere dell’Aquila tempo fa chiedeva anche danaro: aggirando i controlli scriveva lettere di ordini e richieste».

Avesse ragione Saviano, che a sentire gli ingroiani ha ragione per definizione, è questo il nuovo cliente di Antonio Ingroia, un avvocato che non difende né mafiosi né corrotti. Ipse dixit.

5 Febbraio 2015

(fonte Gianpaolo Iacobini su IlGiornale)

A.P.