I “lupi solitari” dell’Isis sbarcano in Italia

ImmagineSu Twitter un profilo che avvisa: “Non ci fermeremo fino alla conquista di Roma“. E posta un comunicato di chiamata alle armi. Roma continua ad essere nel mirino degli jihadisti dell’Isis. E ora spuntano sul web i “lupi solitari” made in Italy. Dal 1 febbraio su Twitter è infatti apparso il profilo @IsisTechnical che nella propria descrizione ha una scritta in italiano: “Non ci fermeremo fino alla conquista di Roma e AQSA inchaallah anche se i miscredenti disprezzano”. Lo stesso profilo, ieri, ha ritwittato un comunicato con una foto in cui compare l’immagine di un lupo e il titolo “Lupi solitari”. In allegato un comunicato firmato Hamel Bochra e tradotto in italiano.
Si tratta di una vera e propria chiamata alle armi in cui compaiono alcune delle minacce lanciate di recente dall’Isis e anche attacchi “ai falsi Imam” che “con i loro sermoni di Satana stanno aiutando i laici e i cani di Roma e di Obama per combatterci”.
“Ormai non c’interessa più quello che dicono – prosegue il messaggio – la strada giusta l’abbiamo scelta noi con Suannah Hamdulilah”. Quindi, dopo aver ricordato i recenti attacchi in Francia, in Canada e in Australia, l’affondo: “Lo stato islamico si espande fino a Roma inchaallah e il nostro appuntamento sarà DABIQ. Uccidete i miscredenti in qualsiasi modo ed attaccate i civili. Se potete uccidere un miscredente americano o europeo soprattutto uno sporco francese o un australiano o un canadese, uccidetelo in qualunque modo possibile immaginabile. Come dice Allah ‘Aggredite coloro che vi aggrediscono. Temete Allah e sappiate che Allah e con loro che Lo temono'”.
Il messaggio si conclude con dei suggerimenti pratici per “i veri lupi solitari”: “Evitate i posti dove abitavate prima, evitate di usare i vosti documenti originali e il vostro telefono prima e dopo l’operazione, nascondete le facce per non farvi identificare, preparatevi benissimo prima dell’operazione, scappare e spostarsi dopo l’operazione, usare le armi più spaventose del momento, cercate di non aumentare il numero dei componenti del gruppo così non ci saranno ritiri durante l’operazione”.

Roma, 9 febbraio 2015

Fonte Il Tempo

ER