Caso di meningite, l’Asl invita chi era nel locale il 31 gennaio a fare la profilassi

Quella sera il 17enne che ha contratto la meningite meningococcica era stato a ballare nel locale fiorentino. Nella discoteca erano presenti circa 600 persone.  Nel Pisano sono già 285 le persone che si sono sottoposte a profilassi

ospedale

L’Azienda sanitaria di Firenze, dopo il caso del 17enne di Cascina, ricoverato per meningite, ha rivolto un avviso ‘a chi la sera disabato 31 gennaio fra la mezzanotte e le 4 del mattino è stato alla discoteca Yab di via Sassetti a Firenze’. L’invito è quello a mettersi ‘in contatto con il proprio medico curante o con una guardia medica o con il servizio di igiene pubblica della Asl per effettuare al più presto una profilassi antibiotica contro la meningite‘.

Infatti, spiega l’azienda, la sera del 31 gennaio, il 17enne era stato a ballare nel locale fiorentino. Il servizio di prevenzione della Asl di Firenze, allertato dai colleghi pisani, oltre ad aver contattato i responsabili della discoteca, sta cercando di individuare chi appunto possa essere stato a lungo in contatto con il ragazzo quella sera e, in via precauzionale, “invita tutti coloro che quella sera, ma solo quella sera, sono stati lì, ad eseguire la profilassi prevista in questi casi”.

Eventuali informazioni possono essere richieste chiamando l’ufficio malattie infettive del servizio di igiene e sanità pubblica della Asl nelle ore mattutine ai numeri 055/6933753 – 055/6933765 – 055/6933555 oppure il numero di reperibilità medica 329/6507714. Il giovane di Cascina, che ha contratto lameningite meningococcica, è ricoverato da qualche giorno in terapia intensiva all’ospedale di Cisanello.

Secondo una stima dei titolari del locale, le persone che la sera di sabato 31 gennaio si trovavano alla discoteca Yab erano circa 600.

Al momento sono un centinaio le persone che si sono messe in contatto con l’ufficio igiene pubblica della Asl per avere informazioni sulla profilassi. Tra le circa cento telefonate ricevute ai numeri messi a disposizione della Asl, anche quelle di alcune persone risultate non a rischio contagio, poiché presenti allo Yab in serate diverse da quella del 31 gennaio.

Intanto nel Pisano, sono già 285 le persone che si sono sottoposte a profilassi. Secondo quanto reso noto dall’Asl 5 di Pisa, fin dalla mattina di sabato scorso, tutte le procedure di gestione della sorveglianza sanitaria sono state messe in atto. “I medici della Asl tranquillizzano la popolazione – si legge in una nota – e precisano che i giorni di incubazione sono circa 10 con una media di 4, per cui la profilassi si effettuata rispettando questo range. È bene ricordare che, affinché si verifichi il contagio, è necessario che i contatti siano ‘direttì e prolungati. Per ottenere tutte le informazioni necessarie, relativamente alle abitudini del ragazzo, e quindi valutare i possibili contatti per attivare le chiamate per la profilassi, è stata interpellata la famiglia”.

L’azienda sanitaria pisana fa sapere anche che il preside della scuola frequentata dal giovane, il liceo ‘Pesenti’ di Cascina, “ha inviato alla Asl la lista dei compagni di classe, del personale insegnante e del personale di supporto e i sanitari del dipartimento di prevenzione sono intervenuti direttamente a scuola per fornire informazioni sull’opportunità di effettuare la profilassi e hanno, contestualmente, somministrato il farmaco previsto dai protocolli”. Sono stati sottoposti a profilassi anche i sanitari presenti sull’ambulanza, e sono stati presi contatti con la palestra di Fornacette e con la scuola guida frequentati dal giovane. “È anche stata contattata – conclude l’Asl pisana – la Asl 10 di Firenze che a sua volta ha messo in atto le procedure per rintracciare chi aveva frequentato la discoteca fiorentina sabato 31 gennaio“.

10 Febbraio 2015

(fonte LaNazione)

A.P.