Omicidio Melania Rea, per la Cassazione la pena per Parolisi va ridotta

Immagine
Nuovo processo per eliminare aggravante crudeltà a Perugia.
Per la Cassazione è da rivedere al ribasso la condanna a 30 anni di reclusione per Salvatore Parolisi: è da eliminare l’aggravante della crudeltà. Il ricalcolo della pena lo deve fare la Corte d’assise d’appello di Perugia. Confermata la responsabilità per aver ucciso la moglie Melania Rea.

“Siamo soddisfatti perché si farà un nuovo processo seppure limitatamente all’annullamento della circostanza aggravante deciso dalla Cassazione: adesso la condanna a trent’anni non esiste più ed è quello che chiedevamo. Siamo soddisfatti”.

Questo il commento dell’avvocato Walter Biscotti, che ha difeso in Cassazione, Salvatore Parolisi, insieme a Titta Madia.

“La Cassazione ci ha dato ragione, Parolisi è stato riconosciuto colpevole, volevamo che fosse individuato definitivamente l’assassino di Melania e l’assassino ora c’è. La quantità della pena non ci interessa”. Questo il commento dell’avvocato Giovanni Monni difensore di parte civile dei familiari di Melania Rea dopo il verdetto della Cassazione.
Fonte Ansa

Roma, 10 febbraio 2015