Ruba bibita, processo in Corte Appello

bibita
Ha bevuto di soppiatto al supermercato una bibita che costava 1,29 euro e ha provocato un caso giudiziario che, a sei anni di distanza, è stato risolto dalla Corte d’appello di Torino.

Per il marocchino Youssef M, 38 anni, condannato a due mesi in primo grado a Mondovì (Cuneo) nel 2009, è stata pronunciata sentenza di non luogo a procedere così come aveva chiesto la difesa.

“Non bastava fargliela pagare?”, la considerazione dell’avvocato Fabrizio Bruno di Clarafono che ha firmato il ricorso.

17 Febbraio 2015

(fonte ANSA)

AP