Un “danno indelebile” alla fontana della Barcaccia

ImmagineIl sovrintendente dei Beni del Comune di Roma: “L’intervento di restauro è già partito, stiamo provvedendo a riparare l’opera del Bernini”.

“Stiamo ancora quantificando il costo dei danni per l’intervento di restauro della “Barcaccia” ma certamente il danno resterà indelebile”. Così il sovrintendente dei Beni del Comune di Roma, Claudio Parisi Presicce, nel corso di un sopralluogo tuttora in corso sulla famosa fontana di piazza di Spagna danneggiata ieri pomeriggio dai tifosi olandesi del Feyernoord. Il danno sarà indelebile – ha spiegato il sovrintendente del Comune di Roma – e farà parte della storia centenaria di questo monumento. Direi però che il danno maggiore è d’immagine per lo stralcio compiuto al patrimonio culturale di questa città che considera i propri monumenti non solo dei cittadini di Roma ma di tutto il mondo”. “Abbiamo rinvenuto questa mattina – ha spiegato Claudio Parisi Presicce – un frammento dell’orlo del candelabro centrale della vasca. Da una mappatura più attenta si è visto che i punti di contatto delle bottiglie di vetro lanciate hanno provocato delle abrasioni su gran parte della superficie dei travertini. L’intervento di restauro è comunque già partito e stiamo provvedendo a riparare la fontana”.

Il sindaco Marino. “Io credo che valga il detto “chi rompe paga”, e quindi la squadra del Feyenoord e l’Olanda sono responsabili di ciò che è successo in questa città. Cosa sarebbe successo se fossimo andati noi in Olanda e avessimo messo a ferro e fuoco la città?”. Queste le parole di Ignazio Marino, durante un sopralluogo alla Barcaccia a piazza di Spagna, danneggiata ieri dai tifosi del Feyenoord. “Molte istituzioni, banche e società mi hanno già chiamato da ieri sera a questa mattina perché vogliono intervenire economicamente per riparare i danni”, ha aggiunto il sindaco.

20 febbraio 2015

Fonte IlTempo

ER

One thought on “Un “danno indelebile” alla fontana della Barcaccia

  1. …l’occorso è in risposta a quanti considerano i popoli nordici civili, essendo invece solo orde barbariche… i talebani sarebbero stati più deferenti al cospetto dell’opera de Bernini!

Comments are closed.