Paura per bimba che ingerisce monetine, gliele estraggono con le pinze

ambulanzaPaura per una bambina di due anni di Lucrezia che per gioco ha ingerito due monetine.
E’ accaduto nella serata di domenica scorsa. La mamma se n’è accorta e ha accompagnato precipitosamente la piccola in auto al pronto soccorso dell’ospedale Santa Croce di Fano. I due corpi estranei ostruivano l’esofago della bambina che accusava un forte malessere.

Da Fano i sanitari hanno disposto il trasferimento in ambulanza all’ospedale pediatrico Salesi di Ancona. Durante il trasporto la piccola ha vomitato ma è rimasta sempre cosciente e vigile, mentre molto preoccupata era la mamma. Le sue condizioni di salute non sono mai state di serio pericolo. All’ospedale Salesi alla bambina è stato somministrato del sedativo, quindi i medici hanno rimosso le monete dall’esofago estraendole tramite delle pinze.

L’intervento è riuscito e subito per la bambina è stata scongiurata ogni complicazione, tra il sollievo del personale medico e paramedico e soprattutto della famiglia, che ha potuto tranquillizzarsi definitivamente.

La piccola paziente è stata tenuta in osservazione per una notte all’ospedale anconetano e ieri mattina è potuta tornare nella sua abitazione nel comune di Cartoceto. Il caso si è risolto nel migliore dei modi, ma sono frequenti gli episodi di bambini che ingeriscono oggetti diversi, soprattutto in tenerissima età. Situazioni pericolose che possono avere anche esiti tragici se l’ostruzione avviene nella trachea per il rischio di soffocamento.

24 febbraio 2015

Fonte CorriereAdriatico

ER