Telefonia, arriva una buona notizia: nessuna penale per chi cambia gestore

smartphone telefono telefoniTirano un sospiro di sollievo le famiglie italiane: il disegno di legge sulla concorrenza, approvato venerdì scorso dal Consiglio dei ministri su proposta del Ministro dello Sviluppo economico (Mise) Federica Guidi, non prevede in alcun modo la reintroduzione di penali per chi recede dai contratti di abbonamento a telefoni fissi e mobili, internet o a pay-tv. A precisarlo direttamente il Mise tramite una nota, a seguito di errate interpretazioni riprese oggi da alcuni giornali. La norma inserita nel disegno di legge non cambia infatti le disposizioni generali in materia di recesso anticipato dai contratti di telefonia, internet e tv ma disciplina i costi di uscita dalle sole promozioni relativi ai medesimi servizi (come per esempio l’uso di uno smartphone o le partite di calcio gratuite). In primo luogo fissa un tetto di 24 mesi alla durata delle promozioni stesse. Secondariamente stabilisce che le eventuali penali

Fonte Il Mattino

Roma, 24 febbraio 2015