“Yara è stata torturata”. Bossetti verso il rinvio a giudizio

yara bossettiUna fonte: “Così è stata uccisa la ragazzina”. E spunta un’inquietante coincidenza…

È attesa per oggi la richiesta di rinvio a giudizio per Massimo Bossetti, unico indagato per la morte di Yara Gambirasio, sparita e uccisa il 26 novembre 2010.

Intanto emergono nuovi, inquietanti, dettagli sul 44enne muratore di Mapello. Secondo una ragazzina intervistata da Chi l’ha visto?, infatti, l’uomo era solito visitare i profili Facebook di coetanee di Yara e in particolare quello di un’allora 14enne con un nome molto simile: Ilaria Gambirasio. “L’ho scoperto solo poche settimane fa”, ha detto la giovane davanti alle telecamere, “Con me dai carabinieri sono state interrogate anche altri giovani, anche loro erano stati chiamati per questa storia. Cosa ho pensato? Non mi sono stupita, perché essendo vicina ci sta un po’ di curiosità”. Nel corso della trasmissione la ragazza ha raccontato anche i rapporti di vicinato: “Mi salutava e mi chiedeva come stavo”.

Inoltre ora viene fuori che la 13enne di Brembate sarebbe stata torturata prima di essere uccisa, come avrebbe rivelato una fonte investigativa al settimanale Dipiù: “Sul corpo di Yara c’erano diverse ferite, tutte provocate da un coltello o da un taglierino dalla lama molto affilata”, ha raccontato, “Secondo il magistrato quei tagli erano pure e semplici sevizie. Torture”.

19 marzo 2015

Fonte IlGiornale

ER