Merkel,vogliamo Grecia forte economicamente,che cresca

ImmagineVogliamo che la Grecia sia forte economicamente, che cresca e che venga fuori dalla alta disoccupazione”, e in particolare “da quella giovanile”. Lo ha detto Angela Merkel, in conferenza stampa a Berlino con il premier greco Alexis Tsipras.

Alexis Tsipras cita la questione dei risarcimenti di guerra a Berlino: “va affrontata da entrambe le parti, è un problema non materiale ma morale”, ha detto in conferenza stampa, “per superare per sempre fascismo e nazismo e fare in modo che i totalitarismi non tornino mai più al potere”. Abbiamo alle spalle un programma di sostegno alla Grecia che “non è stato una storia di successo”, ma “ha portato terribili risultati ed “enormi” problemi sociali, ha aggiunto.

Vogliamo rispettare trattati e fare riforme – “Vogliamo rispettare i trattati” ma ci devono essere delle correzioni sul piano sociale. Lo ha premier greco Alexis Tsipras, in conferenza stampa a Berlino con Angela Merkel. Tsipras ha anche detto che “la Grecia ha bisogno di un mix politico” per superare la situazione negativa in cui si trova che “prevede innanzitutto riforme strutturali”.

“I greci non sono dei fannulloni, e i tedeschi non sono colpevoli dei malanni e della disfunzioni della Grecia“. Lo ha detto il premier greco Alexis Tsipras a Berlino, in conferenza stampa con Angela Merkel. “Dobbiamo accantonare gli stereotipi in entrambi i paesi”, ha aggiunto.

Merkel, riparazioni questione chiusa, ma dialoghiamo – Le riparazioni di guerra sono una questione “chiusa dal punto di vista sia giuridico sia politico”. Lo ha ribadito Angela Merkel, in conferenza stampa a Berlino con il premier greco Alexis Tsipras. La cancelliera ha tuttavia aggiunto che la Germania è consapevole delle atrocità commesse e il “dialogo” con Atene sul tema “continuerà”.

Satira su Merkel nazi ingiusta con tedeschi  – “La satira sulla cancelliera” paragonata ai nazisti “è ingiusta nei confronti di Angela Merkel e dei tedeschi”. Lo ha detto il premier greco Alexis Tsipras, in conferenza stampa a Berlino con Angela Merkel. “La Germania democratica di oggi non ha nulla a che fare col terzo Reich”, ha aggiunto.

In Grecia le farmacie sono di nuovo a corto di medicinali di base, come riferisce il quotidiano Kathimerini, in quanto i rivenditori all’ingrosso sembrano aver adottato una stretta sulle forniture che ha provocato scarsità degli antidolorifici più diffusi e di farmaci anti-infiammatori, come pure di antibiotici, insulina e vaccini. A lanciare l’allarme è il capo dell’Associazione dei Farmacisti greci, Constantinos Lourandos, secondo cui il problema è causato dal fatto che i produttori diffidano dei grossisti che farebbero vero e proprio aggiotaggio rivendendo i carichi di medicinali a prezzi maggiorati in altri Paesi invece di rifornire il mercato locale. “Alcune società ci costringono ad acquistare altri medicinali insieme a quelli di cui abbiamo bisogno altrimenti non accettano le nostre ordinazioni”, ha detto Lorandos a Kathimerini.

Il primo ministro greco Alexis Tsipras arriva oggi a Berlino per cruciali colloqui con la cancelliera tedesca Angela Merkel mentre ad Atene crescono le preoccupazioni sul calo delle riserve di liquidità della Grecia ed i funzionari del governo si stanno affrettando a dare gli ultimi ritocchi ad un elenco di riforme dettagliate in linea con le richieste dei creditori internazionali del Paese.

Atene punta su misure anti-evasione
Nella lista di interventi che il premier Tsipras presenterà alla cancelliera tedesca Angela Merkel non compaiono misure di austerità, ma soprattutto interventi contro l’evasione fiscale e la corruzione con indicati però anche l’impatto sull’economia nazionale ed i tempi. E’ quanto riportano i media ateniesi. Nell’agenda sempre secondo i media, ci sarà anche la rivendicazione dei danni causati al Paese dai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, la restituzione del prestito forzoso fatto al III Reich (almeno 11 miliardi di euro odierni secondo un recente rapporto ufficiale ellenico)

Il governo tedesco mette le mani avanti e attraverso il portavoce avverte: ‘“Nessuno deve aspettarsi una soluzione dall’incontro di oggi” alla questione greca. Non è questo né il momento né il formato”. ”L’incontro non sostituisce l’Eurogruppo.

Bild in tedesco e in greco,”benvenuto Herr Tsipras!”
Con una copertina bilingue, redatta interamente in tedesco e in greco, la Bild omaggia la prima visita del premier ellenico a Berlino: “Benvenuto in Germania Herr Tsipras!”, è il titolo. “50 motivi per cui i greci ci stanno molto a cuore”, si aggiunge, introducendo un elenco che va da Zeus alle origini di Maria Callas, dal giuramento di Ippocrate alle “250 giornate di sole (il doppio di quelle tedeche)” che caratterizzano il Paese. Fino alla constatazione centrale del fatto che “Atene ci ha portato la democrazia”. Si tratta di un atteggiamento di apertura inedito per il tabloid di Axel Springer, che in questi mesi ha usato la linea dura con la Grecia. La Bild tenta di farsi perdonare, dopo essere stata molto criticata nelle scorse settimane (dalla politica e dal mondo dei media) per una campagna anti-greca lanciata fra i tedeschi con la pubblicazione di selfie di cittadini, immortalati con un grande “Nein”, in occasione del voto nel Bundestag che ha deciso di prolungare il pacchetto di aiuti ad Atene.

Fonte Ansa

Roma, 24 marzo 2015