Tentata rapina nel Napoletano, dieci i feriti

ImmagineQuattro delle dieci persone rimaste ferite dopo la rapina in un supermercato di Ottaviano (Napoli) sono ricoverate con prognosi riservata in vari ospedali delle province di Napoli e Salerno. Lo si apprende da fonti investigative. Uno dei feriti in prognosi riservata si trova nell’ospedale “Villa Malta” di Sarno (Salerno) dove – ha riferito il Direttore Sanitario, Vincenzo Crescenzo – è stato sottoposto a un complesso intervento chirurgico. “Si tratta – ha spiegato Crescenzo – del titolare o comunque di un dipendente del supermercato dov’è avvenuta la rapina. E’ un giovane di 28 anni al quale un proiettile ha devastato l’addome lesionando alcuni organi e parti del corpo”. Nello stesso ospedale sono ricoverati altri cinque feriti fra i quali i due carabinieri, uno di Chioggia e l’altro originario del Napoletano. “Uno dei due – ha riferito Crescenzo – sicuramente è giovanissimo. Uno ha una ferita al gluteo, l’altro una frattura alle ossa nasali. Abbiamo anche un altro italiano con leggere ferite lacero-contuse e due rumeni, uno con ferite lievi e l’altro con una ferita all’omero”.

Nell’ospedale “Umberto I” di Nocera Inferiore (Salerno) è ricoverato un giovane di 25 anni, colpito all’addome. E’ stato sottoposto a un lungo intervento chirurgico ed è tuttora in prognosi riservata.

In inseguimento anche auto civili – Almeno tre auto civili hanno partecipato all’inseguimento che ha fatto seguito al tentativo di rapina a mano armata ai danni di un supermercato di Ottaviano (Napoli).  Oltre all’auto dei rapinatori, fuggiti subito dopo il mancato colpo, sulle strade dei comuni vesuviani hanno partecipato all’inseguimento altre auto, una delle quali (una station wagon di colore blu), è rimasta coinvolta in un incidente sulla strada statale 268 “del Vesuvio”. Le altre auto non sono state, al momento, ritrovate. Dopo l’incidente, i rapinatori avrebbero poi continuato la fuga a bordo di un’ambulanza che incrociando lo scontro stesso, avrebbe rallentato fino a fermarsi. Alle indagini stanno prendendo parte numerosi carabinieri dei reparti territoriali e investigativi del comando provinciale di Napoli impegnati a ricostruire quanto accaduto e verificare varie ipotesi, tra le quali anche quella secondo la quale i banditi sarebbero stati inseguiti anche da alcuni civili. Sempre secondo ipotesi al vaglio degli investigatori, non è escluso che tra i feriti possano esserci anche i rapinatori.
Fonte Ansa

Roma, 26 marzo 2015