“Il mio pontificato sarà breve”. La salute del Papa preoccupa

papa2L’aumento peso aggrava sciatica. I medici bacchettano il Papa: “Cammini e mangi meno pasta”. Ma lui snobba i consigli.

“Ho la sensazione che il mio pontificato sarà breve. Quattro o cinque anni.
Non so, o due o tre. Beh, due sono già passati. È come una sensazione un po’ vaga. Le dico, forse no. È come la psicologia di chi gioca e allora crede che perderà per non restare poi deluso. E se vince è contento. Non so che cos’è. Ma ho la sensazione che Dio mi ha messo qui per una cosa breve, niente di più… Ma è una sensazione. Per questo lascio sempre aperta la possibilità”. Questa frase, pronunciata da papa Francesco un paio di settimane fa in una lunga intervista con la televisione messicana Televisa, rilasciata nel secondo anniversario di pontificato, oltre ad aver avuto grande risonanza mediatica per la previsione di un pontificato breve, ha scatenato fuori e dentro i Sacri Palazzi una serie di congetture, ipotesi e interrogativi. Non è poi mancato qualche allarme sulla salute del Pontefice.

Dopo le esetrmazioni di Bergoglio, molti si sono interrogati sul suo futuro. “Sta forse male – si chiedevano in San Pietro – e per questo accenna alla ‘sensazione’ di un pontificato che potrebbe presto finire?”. Per giorni l’argomento ha tenuto banco nelle conversazioni oltre le mura leonine. In realtà, a parte stati temporanei di affaticamento dovuti ai ritmi frenetici e ai tanti impegni, la salute di papa Francesco sarebbe tutto sommato buona considerando anche l’età – 78 anni – e i trascorsi giovanili con le complicazioni al polmone. Insomma, la salute del Santo Padre non è minacciata da malattie. Quello che tuttavia preoccupa i medici di Francesco, secondo quanto apprende l’Ansa, sono piuttosto lo stile di vita e le abitudini alimentari. Abitudini che andrebbero modificate soprattutto in ragione della necessità di contrastare l’aumento di peso in cui è incorso Bergoglio da quando ha assunto il pontificato e che incide negativamente, peggiorandolo, su un fastidio di cui soffre molto, la sciatica.

Da settimane i medici insistono con l'”indisciplinato” Bergoglio perché cammini di più durante il giorno, si dedichi a quella passeggiata quotidiana che non fa mai (che alla sua età è invece altamente raccomandabile) e non trascorra intere giornate sedentarie come sta facendo ad esempio in questi giorni in cui è preso dalla revisione dell’enciclica sul Creato, passando poi di colpo a stress intensissimi come quelli dei viaggi. I medici vorrebbero poi un maggiore controllo del peso per non aggravare la situazione determinata dalla sciatica, anche con una dieta un pò più rigida che preveda di mangiare la pasta soltanto due volte la settimana. Ma anche qui sembra che Francesco non dia tanto retta alle indicazioni che gli vengono suggerite, prediligendo un piatto di pasta pressochè tutti i giorni.

Fonte Il Giornale

Roma, 31 marzo 2015