Selvaggia Lucarelli e il furto d’auto: «Non ricordavo dove l’avevo parcheggiata. E l’ho ricomprata»

selvaggialucarelli
Sembra un pesce d’aprile, se non fosse che la notizia è del 31 marzo. Selvaggia Lucarelli, la blogger e giornalista che spopola sui social network, ha raccontato tempo fa a tutti i suoi amici su Facebook di aver subito il furto della propria auto. Un post che aveva raccolto parecchi commenti di solidarietà da parte degli utenti.

Ieri sera, cioè due settimane dopo l’accaduto, il colpo di scena, puntualmente registrato dalla bella Selvaggia sul suo profilo Facebook:

«E’ successa una cosa incredibile», racconta la blogger, «a 15 giorni dal furto e’ stata ritrovata la mia macchina. Sta bene, era dalle parti di Via Mecenate e il fattore sorprendente è che tutti pronti a prendersela con Pisapia e la criminalità e gli zingari e la polizia e la depenalizzazione dei furti e tanto i colpevoli non si trovano mai e invece questa volta, tenetevi forte, s’è anche trovato il colpevole. Che con mia grande gioia ha già pagato il suo debito. Piuttosto caro per giunta. Perché il colpevole sono io che non mi ero ricordata dove avevo parcheggiato la macchina e nel frattempo ne ho comprata un’altra. Non era furto. Era Alzheimer. Ora lapidatemi».

Più che “pietre” però, la Lucarelli ha raccolto una valanga di “Mi piace” e moltissimi commenti divertiti. Sarà che comunque fa piacere, ogni tanto, sentire un lieto fine. Anche se forse la diretta interessata non lo definirebbe proprio così.

1 aprile 2015
(fonte IlMessaggero)
AP