Il comune paga agli immigrati il volo per l’Africa

In provincia di Padova un sindaco Pd contribuisce con 600 euro per aiutare la famiglia di un algerino a rientrare in patria: “Ci sono più prospettive che in Italia”

aereo

Vuoi tornare in Africa dopo essere rimasto deluso dall’Italia? In Veneto ci sono dei Comuni che ti possono aiutare.

È il caso di Santa Giustina in Colle, nel Padovano, dove l’amministrazione comunale di centrosinistra ha stanziato con apposita delibera un contributo di seicento euro per consentire alla famiglia di un algerino in difficoltà economiche di fare ritorno al Paese d’origine.

“Abbiamo accolto la richiesta del capofamiglia di avere un contributo – ha spiegato il sindaco Paolo Gallo – Dopo aver lavorato per anni, è rimasto senza occupazione e adesso ha deciso di tornare in patria dove potrebbe avere altre prospettive. Non abbiamo agito da soli: oltre al Comune, infatti, il proprietario dell’immobile dove la famiglia era in affitto ha dato un contributo per il ritorno, e così hanno fatto anche la Caritas e la parrocchia.”

Non si tratta però di un caso immigrato, né di un’iniziativa circoscritta al solo centrosinistra. Pochi mesi fa, nel capoluogo euganeo, il sindaco arci-leghista Massimo Bitonci aveva annunciato l’apertura di un conto corrente destinato proprio a raccogliere fondi per il rimpatrio degli immigrati. In quel caso, però, il sindaco di Padova aveva posto una condizione: che chi accettasse l’accordo si impegnasse a non tornare più.

Non è noto se l’algerino che sta per rimpatriare con l’aiuto del comune di Santa Giustina, come racconta Il Gazzettino, potrà fare ritorno o meno in Veneto. Perché c’è da giurare che se dovesse tornare, più d’uno non sarebbe affatto disposto a pagargli quella che sembrerebbe una vacanza a spese dei contribuenti.

30 aprile 2015

(fonte IlGiornale)