Per non dimenticare Marta Russo

ck1 (2)

La mattina di venerdì 9 maggio 1997, intorno alle 11.40, Marta Russo, studentessa al terzo anno di Giurisprudenza, sta passeggiando con l’amica Jolanda Ricci all’interno dell’Università La Sapienza di Roma, in un vialetto tra le facoltà di Scienze Statistiche, Giurisprudenza e Scienze Politiche. Improvvisamente si sente un tonfo sordo e Marta si accascia, colpita alla testa da un proiettile vagante. Subito soccorsa, viene trasportata al Policlinico Umberto I, dove si cerca in tutti i modi di rianimarla. La sua agonia dura alcuni giorni e finisce nella notte tra il 13 e il 14 maggio. Marta Russo muore a soli 22 anni.