Tassista violentata da un cliente: fermato un uomo a Roma

Immagine

C’è un fermato per la vicenda della tassista violentata da un cliente a Roma. Si tratterebbe di un italiano che in questo momento si trova in questura dove verrà sentito dagli inquirenti e dai magistrati che stanno lavorando al caso

 

Nuovi accertamenti sul taxi guidato dalla donna che venerdì mattina è stata picchiata, abusata sessualmente e rapinata da un cliente in una strada isolata di Ponte Galeria, all’estrema periferia di Roma. Si cercano tracce e impronte riconducibili all’uomo, di cui la polizia ha diffuso ieri un identikit.

Al vaglio degli investigatori della Squadra mobile le registrazioni delle telecamere della zona, in particolare dell’area attorno all’Hotel Ergife sull’Aurelia dove il giovane, dall’età apparente di 25-30 anni, è salito a bordo del taxi. Le ricerche si starebbero concentrando in particolare nelle periferie a nord della capitale, dal Trullo a Boccea. Al vaglio anche eventuali denunce di aggressione accadute recentemente con modalità simili.

Maschio, italiano, età 25-30 anni, altezza 165/70, corporatura magra, capelli corti scuri mossi, viso pentagonale, occhi piccoli scuri, sopracciglia sottili, naso medio, bocca media e labbra sottili, carnagione chiara, vestito con camicia jeans, pantaloni scuri, scarpe da ginnastica scure. E’ questo l’identikit tracciato dagli agenti della Polizia di Stato dell’uomo che ieri mattina all’alba, dopo essere salito a bordo di un taxi nella zona dell’Aurelio, condotto da una donna, si è fatto accompagnare in una strada isolata e dopo aver percosso la tassista ha abusato di lei sessualmente, rapinandola anche dei soldi. Il ritratto dell’uomo, effettuato dagli agenti della Polizia Scientifica della Questura di Roma, è stato realizzato grazie alle descrizioni fornite dalla vittima in sede di denuncia. L’appello della Polizia è indirizzato a chiunque possa fornire elementi utili per il riconoscimento della persona ritratta nell’identikit, che può riferire direttamente componendo il numero di pronto intervento del 113.

E’ ancora caccia all’aggressore della tassista romana di 43 anni picchiata, violentata e rapinata da un cliente ieri in una stradina isolata di Ponte Galeria, all’estrema periferia di Roma. Stamattina gli agenti della Squadra Mobile hanno effettuato un nuovo sopralluogo assieme alla vittima per ricostruire nel dettaglio come si sono svolti i fatti. Al vaglio anche le registrazioni delle telecamere della zona che potrebbe aver immortalato l’aggressore mentre prendeva il taxi o durante il tragitto. La donna ha fornito una descrizione dell’uomo: età apparente di circa 30anni, accento romano, muscoloso e vestito con abiti casual. Ieri mattina, quando è arrivato l’allarme al 113, è scattata una vasta battuta di ricerche in zona. Per individuare l’aggressore si è sollevato in volo anche l’elicottero della polizia. Sono state effettuate verifiche accurate anche all’interno del taxi per rilevare eventuali impronte e tracce lasciate dal 30/enne. La donna, sconvolta, ha raccontato di averlo fatto salire a bordo della vettura nei pressi dell’hotel Ergife e che, dopo vari cambi di percorso, si è fatto portare in via Pescina Gagliarda, una stradina sterrata e isolata. Appena la tassista si è girata per farsi dare i soldi della corsa è stata stordita con un pugno in pieno volto. L’aggressore ha abbassato il sedile e abusato di lei costringendola a un rapporto orale. Poi è scappato con i soldi dell’incasso, circa 70 euro, dileguandosi a piedi nelle campagne di Ponte Galeria.

Fonte Ansa

Roma, 10 maggio 2015