Scuola, Renzi: “Bene se ne parli ma no a boicottaggi”. Governo fa sapere che non metterà fiducia – Video

“Sono proprio contento del fatto che finalmente la scuola è al centro della discussione. Non apprezzo i toni, le polemiche ed i boicottaggi di chi non vuole far partecipare i ragazzi agli Invalsi ma bene che la scuola sia al centro”. Così il premier Matteo Renzi in un video sul sito del governo.

IL VIDEO DI RENZI


Dopo giorni di polemiche e confronti, Matteo Renzi “sale” in cattedra. E con i gessetti, illustra su una lavagna i punti principali della riforma in un video, girato a Palazzo Chigi, di 18 minuti. Il video è diviso in 9 punti e il presidente del consiglio spiega la riforma e gli obiettivi, dall’autonomia all’alternanza Scuola-Lavoro.

“La cosa più urgente è l’alternanza scuola-lavoro e l’urgenza è perché in questi anni c’è stato un crollo totale degli occupati e un aumento della disoccupazione giovanile impressionante, un dato tra i peggiori in Ue. L’alternanza funziona in Germania, in Svizzera e in Austria ma anche in Alto Adige”, dice ancora Renzi illustrando la “Buona Scuola”, nel video del governo, spiegando che “l’obiettivo è ridurre il 44 per cento della disoccupazione giovanile”.

“Diamo più soldi agli insegnanti e non meno e non solo perchè da lì dipende l’autorevolezza sociale ma perchè è un fatto di giustizia”: Renzi spiega così il senso dei 500 euro annuali ad ogni insegnante e dei 200 mln per la valutazione.
“Cultura umanista”: è il titolo della terza pillola del video di 18 minuti con cui il premier Matteo Renzi difende la riforma della scuola. “Nella riforma – spiega il presidente del Consiglio – chiediamo di studiare di più storia, arte, musica e lingue. Chiediamo alla scuola italiana di fare ciò che la scuola ha il dovere di realizzare, un investimento più forte non solo sugli skills, sui curricula ma sull’esigenza di educare un cittadino. Certo si può discuterne ma io penso che ci vorrebbero più ore di latino. E l’idea di tornare ad investire su materie messe in secondo piano non è in contraddizione con le materie scientifiche. Ho incontrato la scienziata Giannotti e mi ha raccontato con entusiasmo il suo passato nel liceo classico. Bisogna tornare a restituire ossigeno”.
Stanziati altri 4 mld per l’edilizia – “Oggi pomeriggio firmerò la circolare ai ministri dell’Economia, delle Infrastrutture e della Scuola che porta oltre 4 miliardi di euro di nuovi investimenti per l’edilizia scolastica”. E’ l’annuncio che Matteo Renzi fa nel video in cui illustra la riforma della scuola.

Voto finale slitta al 20 maggio- Slitta a mercoledì 20 maggio il voto finale sul ddl scuola: lo ha deciso la conferenza dei capigruppo di Montecitorio. La votazione era inizialmente prevista per martedì.

Il ddl Buona scuola “è una rivisitazione del modello educativo, una scuola che si apre e progetta” ed “è per questo che il governo si sta dedicando a esso con tanta attenzione”. Lo ha sottolineato il ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, che stamani ha incontrato a Palazzo Chigi le associazioni studentesche. La riforma “è una rivoluzione e come tutte le rivoluzioni scatena delle reazioni” ha aggiunto il ministro riferendosi alle polemiche e alle proteste di questi giorni. Ha comunque osservato che su alcuni aspetti le posizioni dei sindacati divergono da quelle degli studenti i quali durante l’incontro di stamani hanno insistito molto sul diritto allo studio e, pur essendo scesi in alcuni casi in piazza con gli insegnanti, non hanno portato al tavolo alcuna richiesta della piattaforma sindacale. “Il nostro Paese deve acquisire una cultura della valutazione che non riguarda solo la scuola. La scuola deve cominciare con convinzione e questo e un discorso che riguarda la società in generale” ha concluso il ministro.

Intanto a Palazzo Chigi l’incontro del Governo con le associazioni dei genitori sul ddl Buona scuola. Partecipano alla riunione i ministri Giannini e Boschi e il sottosegretario De vincenti. Tra le richieste avanzate dalle associazioni che aderiscono al Forum nazionale delle Associazioni dei Genitori della Scuola ci sono quelle di una formazione adeguata degli insegnanti, soprattutto su disabilità e bes (bisogni educativi speciali) e di un maggiore protagonismo delle famiglie.

Ieri gli studenti hanno boicottato i test Invalsi. I sindacati della scuola – Flc-Cgil, Cisl scuola, Uil scuola, Gilda, Snals e anche Cobas – sono insoddisfatti dell’esito dell’incontro avuto oggi con il Governo. Annunciano quindi nuove iniziative di mobilitazione anche durante il periodo degli scrutini.

Fonte Ansa

Roma, 14 maggio 2015