Expo, militari in mezzo al fango. La grandine distrugge anche le tende – Foto

Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©

Mesi nelle tende, mentre agli immigrati sono dedicate strutture a quattro stelle e caserme dismesse: questa è la sorte dei militari che, a Bellinzago Novarese, ormai da giorni alloggiano accampati. Nonostante gli articoli della stampa, le segnalazioni del Cocer e le lamentele degli stessi soldati impegnati all’Expo, l’Esercito italiano si era affrettato a precisare, sul quotidiano Libero, che la situazione disagiata a cui gli onesti servitori della Patria si devono adattare, è la stessa che è richiesta a qualsiasi militare. Insomma, niente aria condizionata nelle tende, nonostante i 40 gradi di giorno, turni che impediscono di arrivare in tempo a mensa e che obbligano a mangiare un pasto a base di carne in scatola e fette di pane, ore a lavorare per la sicurezza all’esposizione milanese, senza aver la possibilità di muoversi per andare in bagno. Alla beffa si aggiunge il disastro, perché il maltempo ci ha messo lo zampino. A causa di una violenta grandinata arrivata nelle scorse ore, diverse tende sono rimaste allagate e le strutture sotto cui erano stati posizionati il refettorio, la palestra e altri servizi sono andate distrutte e tuttora restano inutilizzabili. l’Esercito sta contando i danni e si sta adoperando per dare idonea sistemazione a chi è rimasto in mezzo al fango. Mentre il Cocer scrive. “E’ fin troppo chiaro che questo campo si è trasformato in un pantano di fango dove non possono dormire degli uomini e delle donne”. E’ Domenico Bilello a ricordare che “da giorni si denuncia una situazione per cui si rimane inascoltati”. Anche stavolta l’Esercito farà orecchi da mercante e invierà smentite? Difficile, viste le foto che documentano l’accaduto. E il governo che farà? Continuerà a dare gli alberghi agli immigrati e a lasciare i suoi militari in mezzo al fango? Visti i risultati dell’ultima segnalazione, è molto probabile che, di nuovo, coloro che dovrebbero essere primi siano retrocessi a fanalino di coda.

Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
11263833_10204439578570810_1019678793_n
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©
Foto soggetta a copyright ©

di Chiara Giannini

Milano, 15 maggio 2015

4 thoughts on “Expo, militari in mezzo al fango. La grandine distrugge anche le tende – Foto

  1. Sorge spontaneo il paragone…… Grave che non si rendono conto che l’evidente disparità di trattamento è alla base dell’aumentata intolleranza verso gli immigrati, cosa che probabilmente non interessa, quello che conta è la trita facciata di paladini dei bisognosi a prescindere dai risultati.

  2. Porca miseria, mannaggia, i Signori governatori non glie ne frega niente, questa purtroppo, è L’Italia di oggi, tanto stanno bene loro chi se ne frega del resto?

  3. Ci sono ormai troppi italiani che vorrebbero essere trattati non meglio degli zingari e degli immigrati, ma almeno come loro. E invece devono vedersela con Equitalia, con gli sfratti, con la disoccupazione e con la corruzione della casta. Prima o poi qualcuno dovrà dire “Basta!”

  4. Ma questi comandanti generali o chi per essi,condividono queste situazioni o le vivono dal tepore dell loro case ? E’ veramente necessario che questi ragazzi vivano intenda a fronte di un impegno di servizio così gravoso e importante ?E’ altrettanto necessario mantenere migliaia di nullafacenti in strutture alberghierecon questi costi elevati e maltrattare poi i servitori del popolo ??? Troppe cose non funzionano a favore degl italiani ,forse vogliono veramente portare le persone all’esasperazione e fare in modo che succedano dei disordini ?? Stanno maltrattando tutti gli italiani più bisognosi , vedi i tagli a sanità , scuola e sicurezza per mantenere centinaia di migliaia di immigrati e nomadi che hanno fatto della loro condizione , un privilegio sociale vedi i 2750 euro per famiglia regalati a molti nomadi ladri e truffatori di anziani

Comments are closed.