Uccise la figlia di 18 mesi. Assolto, libertà vigilata in una struttura psichiatrica

uccisefiglia
Il gup di Ancona Paola Moscaroli ha assolto per vizio totale di mente Luca Giustini, 35 anni, l’ex ferroviere che il 17 agosto scorso uccise la figlioletta Alessia di 18 mesi in casa a Collemarino. All’imputato è stata applicata la misura di sicurezza della libertà vigilata per tre anni con obbligo di dimora in una struttura psichiatrica convenzionata e di seguire una terapia farmacologica. Il verdetto è stato emesso anche sulla base della consulenza psichiatrica del prof. Renato Ariatti, secondo cui l’imputato è incapace d’intendere e di volere per un disturbo di tipo schizofrenico, oltre che socialmente pericoloso. Giustini aveva detto di aver ucciso su indicazione di voci ‘divinè che sentiva dentro di sè.

15 maggio 2015

(fonte Corriere Adriatico)

AP