43rd EUROPEAN REGIONAL CONFERENCE. BUCHAREST 19-21 MAGGIO 2015

ImmagineIMG_0358_ok

IMG_0361_ok

Prima giornata della 43ma Conferenza Regionale, presieduta dal Dirigente Generale di P.S. dr.Filippo Dispenza, membro del Comitato Esecutivo dell’O.I.C.P.- Interpol. Si ribadisce per il nostro paese l’importanza strategica e operativa degli scambi info-investigativi tra le polizie del mondo.
Con la risoluzione del settembre 2014, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha riconosciuto all’Interpol, che in Italia è incardinata all’interno della Direzione Centrale Polizia Criminale diretta dal Vice Direttore Generale della P.S. – Direttore Centrale della Polizia Criminale – Prefetto Fulvio della Rocca, tramite il bureau nazionale SCIP (Servizio di Cooperazione Internazionale di Polizia) diretto dal dr.Gennaro Capoluongo, la sua importanza strategica per contrastare il traffico di esseri umani, lo sfruttamento delle donne, il terrorismo, l’ordine e la sicurezza pubblica, la corruzione e il cybercrime.
“La Conferenza Europea d’Interpol che ho l’onore di presiedere, è fondamentale per analizzare le gravi minacce, quali il terrorismo, la tratta degli esseri umani e l’immigrazione illegale, la corruzione, il narcotraffico e tutti i crimini espressione della criminalità organizzata, per la sicurezza in Europa ed adottare le migliori contromisure per contrastarle efficacemente” è quanto dichiarato dal dr.Dispenza che ha anche sottolineato il ruolo fondamentale dell’Interpol nel prevenire e contrastare tali minacce, e l’Ufficio Interpol Roma è uno dei più attivi a livello mondiale nel contrasto a tali crimini.
Duranti i lavori è stata ribadita la necessità di condividere tra gli stati membri le informazioni operative e la necessità di ottimizzare la distribuzione delle informazioni del database Interpol, uno strumento di indagine e analisi di fondamentale utilità per la lotta al contrasto del terrorismo.
Al riguardo, si evidenzia che gli uffici dello SCIP di Roma processano giornalmente il maggior numero di segnalazioni e di informazioni rispetto ai 190 paesi che aderiscono all’organizzazione.

Roma 19 maggio 2015