Calci e sberle: studentesse aggredite in stazione da quattro zingare

poliziaTre studentesse minorenni di 15, 16 e 17 anni sono state aggredite da quattro zingare. Sgambetti, calci e sberle con l’obiettivo di derubare le tre amiche, in pausa pranzo dopo la scuola, dei telefoni cellulari e dei portafogli. Le tre ragazze, che si trovavano all’interno del McDonald’s sono riuscite a scappare e a chiedere aiuto a una pattuglia della polizia locale ferma sul piazzale della stazione ferroviaria.

L’AGGUATO – Tutto è iniziato venerdì 15 maggio alle 12.30 quando le tre studentesse sono uscite dall’istituto per estetiste Afl (Agenzia formazione lavoro) di via Ugo Foscolo e hanno consumato la loro pausa pranzo al McDonald’s. «Siamo andate al fast food – racconta A.M.

di 16 anni – e ci siamo chiuse nel bagno. Cose da ragazze, tanto per ridere e provarsi i trucchi. Ad un certo momento dall’esterno hanno aperto la porta che noi avevamo chiuso a chiave. É stata una nomade forse della nostra età. Noi abbiamo richiuso la porta, ma lei l’ha di nuovo riaperta sempre utilizzando una sorta di passepartout. In pochi secondi è arrivata una seconda zingara con in braccio un neonato e hanno iniziato a minacciarci e a insultarci».

24 maggio 2015

(fonte IlMattino)

AP

One thought on “Calci e sberle: studentesse aggredite in stazione da quattro zingare

  1. Quelle zingare come dice il titolo ma è meglio chiamarle con il nome esatto cioè Rom non lavorano e fanno i prepotenti devono essere cacciate con tutti quelli che non lavorano e mancano di rispetto a tutti dall’intero territorio

Comments are closed.