Russia: “selfie rugosi” sul web contro commenti sessisti

Immagine

Centinaia di donne russe hanno postato sui social network online dei “selfie rugosi” in segno di protesta alle parole del difensore dei diritti dei minori in Russia, Pavel Astakhov, che pochi giorni fa ha dichiarato che “ci sono posti in cui le donne sono già raggrinzite a 27 anni”. La frase ha sollevato un polverone, anche perché è stata pronunciata in un’intervista per giustificare il matrimonio – probabilmente coatto secondo i media russi – di una 17enne cecena con un uomo che ha tre volte la sua età e che sembra sia già sposato.
Nonostante le scuse dell’ombudsman, più di 35.000 persone hanno firmato una petizione online chiedendo che Astakhov sia rimosso dall’incarico di difensore dei diritti dei minori in Russia per aver “eluso il suo dovere di proteggere una minore dalla violenza e per aver fatto osservazioni offensive nei riguardi delle donne”.

Fonte Ansa

Roma, 24 maggio 2015