Stupratore tunisino seminò il terrore: condannato a dieci anni e 9 mesi

tunisinostupratore
Dopo l’evasione dal carcere cittadino sequestrò e violentò per una notte intera una giovane commessa in un parcheggio di Marghera (Ve).

Ma la sua fuga era continuata e il 16 ottobre dell’anno scorso all’alba era arrivato a Selvazzano, a nord di Padova e parcheggiato per riposare qualche ora.
Alle 9,15 l’uomo all’interno dell’auto è stato notato da un agente fuori servizio della Polizia stradale che ha informato i colleghi. Sono bastati pochi minuti alla centrale operativa per verificare che l’auto era stata rubata e il tunisino era ricercato per evasione. L’uomo è stato così arrestato e preso in consegna dalla polizia.

Oggi a Venezia Swilah Tawfik, 28 anni, è stato condannato a dieci anni e nove mesi di reclusione per i reati di violenza sessuale, sequestro di persona e rapina, nonché al pagamento di una provvisionale di 10 mila euro alla vittima, un anticipo del risarcimento danni da quantificare in sede civile.

La sentenza è stata emessa dal gip Massimo Vicinanza a conclusione di un processo celebrato con rito abbreviato. Il pm Lucia D’Alessandro aveva chiesto 15 anni di carcere.

Pordenone, 26 maggio 2015

(fonte IlGazzettino)

AP