Pignorato lo stipendio di De Magistris: «Non mi perdonano le indagini sulla casta»

Dibattito incontro ''In ricordo di Ciro Esposito'' a Scampia

Il sindaco di Napoli Luigi de Magistris commenta le ultime indiscrezioni sulla Corte di Cassazione sulla Legge Severino e il conseguente rischio stop. «Non succederà che verrò sospeso di nuovo, è solo tecnicismo – ha detto de Magistris – ma posso dire che non perdonano il fatto che ho indagato in passato sulla casta politica. Mi hanno pignorato lo stipendio, ma non mi fermerò mai. Mi candiderò a sindaco anche l’anno prossimo e continuerò a liberare la città insieme ai napoletani».

In merito allo specifico della sentenza, de Magistis ribadisce che «c’è un’anomalia molto grave e credo sia la prima volta che si arrivi a intimare a un giudice di scrivere la sentenza prima del weekend. Non sono preoccupato e sono abituato a fare il sindaco di strada».

Il pignoramento dello stipendio del sindaco è relativo alla nota causa che vede coinvolto anche Clemente Mastella che in primo grado ha avuto ragione su de Magistris. Il sindaco è stato condannato a un risarcimento di 20 mila euro. La sentenza è è provvisoriamente esecutiva.

27 maggio 2015

(fonte IlMattino)

AP