Qual è la città più sicura del mondo?

La sicurezza urbana non è solo evitare scippi o rapine. Dalla sanità alle tecnologie, passando per l’immigrazione e la pulizia delle strade, e persino il controllo del traffico aereo, sono tantissimi i fattori da considerare per valutare se una città è più sicura di un’altra. Ci ha provato l’Economist’s Intelligence Unit redigendo il Safe Cities Index.
cittapiusicura

Tokyo è la città più sicura del mondo, secondo il Safe Cities Index, messo insieme dall’Economist’s Intelligence Unit (EIU). Per arrivare a questo risultato l’EIU è partito dall’assunto che la sicurezza non è rappresentata esclusivamente dalla minor probabilità di essere vittima di un crimine violento. In molte città, i reati più ‘classici’ sono in netta diminuzione: a New York, nel 1990 il tasso di omicidi aveva raggiunto il picco di 2.245 morti violente; l’anno scorso invece è sceso alla quota minima di 328 decessi. Ma stanno emergendo nuovi rischi: basti pensare al terrorismo e alla criminalità informatica, che rappresenta una crescente minaccia per le grandi metropoli. L’EIU ha esaminato una vasta gamma di fattori per creare il proprio indice. Ad esempio la sicurezza digitale, o il numero di attacchi informatici e il modo in cui sono stati affrontati. Non è stata trascurata la sicurezza delle infrastrutture, così come la gestione dei disastri naturali. Nella categoria ‘sicurezza sanitaria’, è stata presa in considerazione la qualità dell’assistenza sanitaria (ad esempio, il numero di posti letto negli ospedali e quello dei medici), ma anche i problemi come l’inquinamento.

Tokyo ha ottenuto punteggi alti in tutte le categorie. L’EIU ha messo in evidenza il suo basso tasso di criminalità, e come gli urbanisti siano riusciti a migliorare la qualità della vita vietando automobili diesel per ridurre l’inquinamento, e pedonalizzando gran parte del centro. State già iniziando a fare i bagagli per la capitale del Giappone? In realtà le conclusioni non sono così semplici: Tokyo è anche considerata una delle più pericolose città del mondo, in particolare per l’enorme numero di persone che sarebbero coinvolte in un eventuale terremoto. E ancora, in quanto a sicurezza personale, Singapore supera Tokyo. E se la sicurezza della salute è la vostra priorità, allora dovreste pensare di trasferirvi a Zurigo.

Altri studi hanno invece messo alla luce altre questioni che potrebbero essere di uguale o maggiore importanza. Amsterdam, per esempio, è – forse non sorprende – è un ottimo posto dove muoversi in bicicletta. Nel 2011 e nel 2013, la città olandese si è classificata come la più sicura per i ciclisti, secondo la società di consulenza urbanistica Design Company Copenhagenize, che ha preso in considerazione criteri come le infrastrutture ciclistiche, la condotta di guida, e la volontà politica di promuovere i mezzi a due ruote non inquinanti.

Non vi è una classifica esaustiva delle città più sicure per le donne, ma un sondaggio dello scorso anno guardava più specificamente a come le donne si sentissero sui mezzi pubblici. Fino a 500 donne sono stati intervistati in 15 capitali del mondo, oltre a New York. È stato chiesto loro di raccontare eventuali esperienze di molestie verbali o aggressioni, della probabilità che altri passeggeri sarebbero venuti in loro aiuto, e della fiducia sul fatto che le autorità avrebbero o meno indagato in caso di denunce. Tra le città esaminate, New York è risulta in cima ad una classifica che vede agli ultimi posti Bogotà, Città del Messico e Lima; Londra è al quarto posto più sicuro.

Ma è davvero possibile o addirittura auspicabile, classificare le città in base alla loro sicurezza? “Stiamo molto attenti dal farlo”, dice Dr Michele Acuto, ricercatore principale di City Leadership Initiative, che sta lavorando con le Nazioni Unite sul come migliorare la sicurezza urbana.”Se dici che Londra è più sicura di Manchester, questa è una generalizzazione. Si può dire che Londra ha un tasso di criminalità inferiore a Manchester – questo sarebbe corretto -. Ma dare giudizi in materia di sicurezza è basato solo su percezioni” dice Acuto. Come si fa a far diventare una città più sicura? Nessuno vuole vivere in uno stato di polizia. “Bisogna ridurre la criminalità, ma anche, ad esempio, migliorare la sicurezza dei trasporti. Se si vuole una città più sostenibile, con più piste ciclabili, per esempio, è possibile riprogettare in modo che diventi anche più sicura per i pedoni. Anche il divario di ricchezza ha un importante effetto sulla sicurezza di una città”, dice Acuto.

27 maggio 2015
(fonte FanPage)
AP