Incinta all’ottavo mese tenta furto in appartamento. La Polizia l’arresta

volanti polizia notte pattuglie

Ieri sera la Polizia di Stato ha arrestato J.O. 20enne Croata per aver tentato di introdursi all’interno di un appartamento nella via Grado con la complicità di una connazionale minorenne.   Entrambe all’ottavo mese di gravidanza sono salite al secondo piano di una abitazione in via Grado suonando ripetutamente il campanello. All’interno, in silenzio, la proprietaria le guardava dallo spioncino non rispondendo delle insistenze delle due donne.   Queste ultime nella convinzione che non vi fosse alcuno all’interno dell’appartamento incominciavano ad armeggiare con una spatola di plastica sul nottolino della serratura per tentare di aprire la porta.   Il cane della proprietaria, in silenzio fino a quel momento, abbaiava furiosamente mettendo in fuga le due ladre che discese le scale incontravano sulla strada i poliziotti chiamati nel frattempo da un vicino di casa che le aveva viste entrare nel palazzo.   Accompagnate in Questura J.O. veniva dichiarata in arresto per tentato furto aggravato mentre la connazionale – stante la minore età – affidata ad un centro per minori.   Entrambe registrano a loro carico innumerevoli precedenti di polizia e condanne per reati analoghi commessi in diverse province della nostra regione.   Questa mattina J.O. è stata condannata dal Tribunale di Ravenna alla pena di mesi otto di reclusione con i benefici di legge. Immediatamente liberata le è stato notificato il divieto di dimora nel comune di Ravenna emesso dal giudice.

Ravenna, 27 maggio 2015