Metro B, scontro fra due treni: 21 feriti – Video

Immagine

Tamponamento tra due convogli della metropolitana appena fuori la stazione “Eur Palasport” in direzione Laurentina. Sul posto la polizia di Stato, vigili del fuoco e il 118. È accaduto intorno alle 10.18. Sono 21 le persone trasportate in ospedale e si tratta di codici verdi e gialli. Le situazioni più gravi, riferisce il 118, sono un paziente con clavicola fratturata e uno con una sospetta frattura del bacino. I pazienti sono stati trasportati in diversi ospedali per evitare il sovraffollamento dei pronto soccorso più vicini al luogo dell’incidente: San Giovanni, Sant’Eugenio, San Camillo, Fate Bene Fratelli, Casilino, Tor Vergata, Aurelia Hospital. Ares 118 è intervenuta con 14 ambulanze e tre automediche di coordinamento. Sul posto due auto mediche e dieci ambulanze. L’assessore alla Mobilità di Roma Capitale, Guido Improta, in merito all’accaduto ha commentato: “È stato un tamponamento e va capita la dinamica, certo è bizzarro. Sicuramente c’è stato un errore umano. L’azienda sta accertando la dinamica dei fatti e ha già istituito una commissione d’indagine”. Sull’incidente la Procura della Repubblica ha aperto un fascicolo. A seguire l’inchiesta sarà il pubblico ministero Pierluigi Cipolla che stamane ha già fatto un sopralluogo e che ora attende dai vigili del fuoco una relazione sull’accaduto.

 

 

La dinamica. A quanto si è appreso, l’incidente si è verificato mentre un treno fermo alla banchina in direzione Laurentina stava per ripartire con semaforo verde. Il convoglio successivo è sopraggiunto tamponando il mezzo che era ancora fermo sulla banchina. Sul posto sono giunte le ambulanze del 118 e gli agenti del commissariato Esposizione. “L’impatto è avvenuto a una velocità massima di 30 km/h. Evidentemente si è trattato di un errore umano. Si tratta di treni che procedevano nella stessa direzione quindi il treno che seguiva non ha tenuto conto nè delle indicazioni luminose nè della velocità che deve essere rispettata”. Così l’assessore alla Mobilità, Guido Improta, durante il sopralluogo sul luogo dell’incidente nella metro B.

 

mappa

La testimonianza.Manuela, racconta: “Mi trovavo a bordo del convoglio ed eravamo quasi arrivati alla fermata Palasport. A un certo punto il treno ha frenato come se si stesse per fermare alla banchina. Io mi trovavo sul primo vagone e ho sentito un grande botto e i vagoni dietro che si schiantavano uno contro l’altro. A questo punto abbiamo provato a uscire dal vagone, ma le porte erano chiuse. Un signore è riuscito ad aprirle e siamo corsi verso la banchina. C’erano persone che urlavano, che piangevano, caos generale, mi sembrava anche una signora ferita. Noi davanti non avevamo nessuno, quindi sembra che ci abbiano tamponato da dietro. Quando abbiamo raggiunto la banchina, questa era deserta”.

 

Combo metro

 

Servizio bloccato. “Il servizio della metro B risulta interrotto nel tratto Eur Magliana-Laurentina a causa di un lieve urto fra treni. Atac ha immediatamente inviato i tecnici sul posto e allertato Vigili del Fuoco e 118. Nel frattempo l’azienda ha attivato un servizio sostitutivo di autobus che serve il tratto interrotto. L’incidente, le cui cause sono ancora da accertare, si è verificato in galleria all’ingresso di Eur Palasport. Secondo le prime rilevazioni ci sarebbero alcuni passeggeri contusi”. Così in una nota Atac.

Stazione sotto sequestro. “La magistratura e la polizia scientifica stanno facendo dei rilievi, la stazione Eur Palasport in questo momento è stata posta sotto sequestro, precisamente la banchina dispari. I tempi del lavoro che svolgerà la magistratura chiaramente influenzeranno la ripresa del servizio, che prevedibilmente non avverrà prima del pomeriggio. Io spero di riaprire stasera la stazione in modo di consentire ai pendolari di poter arrivare fino a Laurentina”. Così l’assessore alla Mobilità, Guido Improta, a margine della Giunta, a chi gli chiedeva in merito all’incidente nella metro B. “Comunque nel tratto che non è ancora in funzione, da Eur Palasport a Laurentina, c’è già un bus sostitutivo che opera, mentre il tratto da Eur Palasport a Jonio e Rebibbia ovviamente funziona regolarmente”, ha aggiunto l’assessore.

 

La rabbia della moglie di uno dei feriti. “Sono abbastanza arrabbiata. I mezzi pubblico fanno schifo. Uno non prende la macchina perchè dicono che è pericolosa e poi succedono questa cose”. A parlare è la moglie di Marco C, uno dei feriti dell’incidente di questa mattina tra due treni della metro B. “Mio marito stava andando al lavoro, forse si è rotto la spalla, ha sbattuto la testa ed è in stato confusionale, non sono riuscita ancora a vederlo”, aggiunge. L’uomo è stato portato al Sant’Eugenio. “Il problema è che in Italia nessuno paga e nessuno va a casa – dice il padre del ragazzo ferito, venuto insieme alla nuora – Mio figlio ha sentito un forte botto. Si era accorto che i treni si stavano avvicinando troppo e ha visto cadere persone a destra e sinistra”.

Fonte Il Tempo

Roma, 6 giugno 2015