Aggrediscono poliziotti. Tre arrestati e un denunciato

volanti polizia notte pattuglie

Questa mattina alle ore 7.45 circa in Via Sampierdarena, personale della Squadra Mobile, impegnato nell’esecuzione di attività di polizia giudiziaria disposta dall’A.G. nei confronti di un cittadino dominicano di 29 anni residente a Genova, indagato per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, è stato fatto oggetto di attività violenta da parte di 3 suoi connazionali.

Questi ultimi, tra cui una donna di 28 anni, sedicente, sprovvista di permesso di soggiorno, con precedenti di polizia per falso e favoreggiamento dell’immigrazione clandestina, ed il fratello di 34 anni, sopraggiunti da una vicina discoteca in evidente stato di alterazione da assunzione di alcolici, hanno aggredito gli operatori al fine di consentire la fuga del giovane che, nonostante l’intervento in suo favore, è stato raggiunto dopo alcune centinaia di metri.

Nella circostanza la citata ragazza, priva di documenti e che si è rifiutata di fornire le generalità, oltre che con calci e schiaffi ha attinto con un morso ad un avambraccio uno degli operatori, procurandogli lesioni giudicate guaribili in gg.10; inoltre con gli altri due aggressori ha posto una decisa azione violenta nei confronti di altri due agenti della Squadra Mobile, provocando loro lesioni giudicate guaribili in gg.10.

Al personale operante si erano intanto aggiunti altri 2 operatori della Polizia di Stato che, transitando con l’autovettura di servizio, erano accorsi in ausilio. La stessa ragazza utilizzando una stampella che il fratello aveva con sé per un pregresso trauma, ha colpito ripetutamente detto personale, provocando la deformazione della stampella per la violenza dei colpi inferti causando loro lesioni giudicate guaribili in gg.10 e gg.12.

I tre giovani di origine dominicana, contenuti non senza difficoltà, hanno posto altresì attiva resistenza nei confronti di 6 operatori della Volante, pure sopraggiunti in ausilio, provocando anche ad essi lesioni refertate con prognosi compre tra i 3 e i 7 giorni.

Inoltre, il terzo aggressore, anch’egli cittadino dominicano di 26 anni residente a Genova, gravato da vari precedenti di polizia per violenza, resistenza, minaccia a P.U. ed altro, con violenti calci provocato la rottura di entrambi i vetri delle portiere posteriori della volante, con cui stava per essere accompagnato in Questura.

Anche la donna nel corso della colluttazione con gli operatori, si è procurata lesioni giudicate guaribili in gg.4, mentre il fratello, anche in relazione all’infortunio precedente, è stato medicato e dimesso con una prognosi di gg.15.

All’esito dei primi accertamenti tesi a ricostruire i fatti, avvenuti alla presenza di numerosi testimoni, e a cristallizzare le responsabilità degli autori, i tre aggressori sono stati tratti in arresto per i reati di violenza e resistenza aggravata a P.U. in concorso, nonché il 26enne anche per il reato di danneggiamento aggravato e posti a disposizione dell’A.G. A carico della ragazza si è proceduto altresì per il reato di rifiuto di indicazioni sull’identità personale, mentre a carico del 29enne si è proceduto in stato di libertà per il reato di resistenza a P.U. in concorso.

Genova, 9 giugno 2015