Cocaina e armi: arrestati a Corbetta due uomini di Arluno e Santo Stefano Ticino

arrestigdfcocaina

Li stavano pedinando quando, arrivati nella frazione di Soriano a Corbetta nei pressi del ristorante ‘Piccolo mondo antico’ in via Fogazzaro, i finanzieri in borghese hanno deciso di entrare in azione. Hanno fermato l’auto sospetta, sulla quale viaggiavano due uomini. E non gli hanno lasciato il tempo di fiatare. Del resto non c’era possibilità di aspettare. I due erano considerati soggetti pericolosi, tanto che in quell’auto c’era un’arma con il colpo in canna. Li hanno arrestati con accuse terribili: traffico e detenzione di sostanze stupefacenti, detenzione abusiva di armi da fuoco e ricettazione.

L’operazione, conclusasi l’altro giorno, è andata a buon fine e ha consentito alle fiamme gialle della compagnia di via Milano a Magenta, di sequestrare un chilo di cocaina, una pistola semiautomatica con matricola abrasa e tre fucili, di cui uno risultato rubato. Il tutto per un valore complessivo di circa duecentomila euro. Gli arrestati vivono a Santo Stefano Ticino e ad Arluno. Sono italiani già conosciuti dalle forze dell’ordine. Su di loro si sono concentrate le attenzioni della Guardia di Finanza che da tempo aveva avviato un’indagine specifica sulla loro attività. L.M.C., di 35 anni e P.C., di 58, sono stati trasferiti presso la casa circondariale di San Vittore in attesa della convalida. Rischiano fino a 20 anni di carcere. Quando sono stati fermati in via Fogazzaro a Soriano, i due uomini stavano effettuando un trasporto di cocaina.

Qualche giorno prima i militari avevano scoperto l’alloggio che frequentava lo spacciatore con lo scopo di nascondere la polvere bianca. Lo hanno bloccato, trovando nell’auto una pistola modello Walther calibro 22 e circa 800 grammi di cocaina pronta per essere venduta. I finanziari hanno continuato le perquisizioni presso l’abitazione dei due uomini, tra Santo Stefano Ticino e Arluno. Trovando altra cocaina, 40 proiettili calibro 22, ma anche 750 euro in contanti e tre fucili. Tra questi anche un fucile a pompa di grosse dimensioni (Remington 870 Magnum), privo di matricola, un Franchi 500 modificato e risultato essere stato rubato, e un fucile marca FLA calibro 12 privo di matricola. Le indagini dei finanzieri sono continuate scoprendo che anche il Suv di grossa cilindrata che veniva utilizzato per lo spaccio era stato rubato e così anche un’altra auto trovata durante le perquisizioni. Tutto è stato posto sotto sequestro. Dall’inizio dell’anno l’attività della Guardia di Finanza di Magenta si è concentrata parecchio sulla prevenzione del traffico di stupefacenti arrivando al sequestro di ingenti quantitativi di droga. (Foto Sally di Roberto Garavaglia)

9 giugno 2015

(fonte Oknotizia)

AP