Scuola, il governo è andato sotto al Senato

L’esponente di Gal nei giorni scorsi ha annunciato l’uscita dalla maggioranza: “Da un punto di vista costituzionale la riforma è scritta male”, ha affermato Mauro. Assenti i senatori di Ncd

scuola

– Governo battuto sul parere di costituzionalità alla riforma della scuola. Con 10 voti contrari e 10 a favore il parere in commissione Affari Costituzionali del Senato non passa per il voto determinante di Mario Mauro, senatore di Gal che nei giorni scorsi ha annunciato l’uscita dalla maggioranza. Il presidente Anna Finocchiaro ha votato a favore.

“Da un punto di vista costituzionale la riforma della buona scuola è scritta male – ha osservato Mauro – pertanto fermiamoci e riscriviamola meglio”.

Desueto il voto della Finocchiaro, per prassi infatti i presidenti di commissione di solito non votano. I senatori di Ncd non sarebbero stati presenti al momento della consultazione in aula.

9 giugno 2015

(fonte TGCOM24)

AP