Il vigile gli chiede i documenti, lui gli sferra un pugno in faccia: in manette 47enne bulgaro

cara 4

Ai fatti ha assistito un militare dell’Arma il quale, libero dal servizio, non ha esitato ad intervenire e, dopo aver allertato il 112 del Comando Provinciale di Avellino, ha bloccato l’aggressore

I Carabinieri della Stazione di Mercogliano, congiuntamente a quelli del Nucleo Operativo e Radiomobile di Avellino, hanno tratto in arresto un cittadino bulgaro 47enne resosi responsabile di resistenza a Pubblico Ufficiale. I fatti si sono svolti nel centralissimo Viale San Modestino, dove un sottufficiale della Polizia Locale stava procedendo al controllo di un individuo, successivamente identificato nel 47enne, che appariva in verosimilmente stato di alterazione.
Alla richiesta di esibire un documento e di declinare le proprie generalità l’uomo, non facendo mistero di non gradire la presenza dell’operatore in divisa, si è rifiutato e, in una fulminea escalation di livore, è passato alle vie di fatto sferrando un violento pugno al volto dell’agente.

.

All’arrivo di una Gazzella dei carabinieri, Inchiodato alle proprie responsabilità dalla flegranza di reato, il 47enne è stato condotto in caserma e dichiarato in stato di arresto. Espletate le formalità di rito per lui, come disposto dalla Procura della Repubblica, si sono spalancate le porte della Casa Circondariale di Bellizzi Irpino in attesa di comparire davanti al Giudice.

Fonte Il mattino

Avellino, 14 giugno 2015