Un nigeriano mette le mani tra le gambe di una ragazzina: scoppia l’alterco, poi l’arresto

Un passeggero dell’autobus lo invita a smettere. Ma il nigeriano va avanti: “È la tua fidanzata? Perché la proteggi?”. E scoppia il caos

nigerianotoccaragazza

Un nuovo abuso getta Bologna nel panico. Un nigeriano di 38 anni è stato arrestato per violenza sessuale dopo che ieri ha toccato le gambe di una ragazzina di 16 anni cui si era seduto vicino sull’autobus.

Il gesto è però stato notato da un 31enne di Ascoli Piceno che ha redarguito l’extracomunitario. Si è scatenata una lite violentissima culminato con l’arrivo dei controllori e di una volante della polizia che ha immediatamente arrestato il nigeriano.

Ieri, pomeriggio, intorno alle 17, il nigeriano è salito a bordo dell’autobus della linea 19, una delle più utilizzate in città, e si è seduto accanto alla ragazzina allungando subito le mani. Il 31enne, notando il gesto e che la 16enne era rimasta attonita per lo choc, ha intimato all’uomo di smettere. Ma il nigeriano gli ha intimato di lasciar perdere: “È la tua fidanzata? Perché la proteggi?”. Ne è così nata una accesa discussione tra i due. I toni erano talmente accesi che l’autista ha chiesto l’intervento delle pattuglie di controllori. Poco dopo nella centrale piazza dei Martiti è arrivato anche il 113.

Ricostruiti i fatti, il nigeriano, che oltre a essere un clandestino ha piccoli precedenti penali, è stato arrestato e denunciato per essersi rifiutato da dare le proprie generalità. La ragazza, assistita fino a quel momento dal cittadino che era intervento in suo aiuto e dalla compagna che viaggiava con lui, è stata poi accompagnata dalla polizia a casa dai genitori.

14 giugno 2015

(fonte IlGiornale)

AP