Picchia e poi minaccia con un’ascia l’amico: bloccato dai carabinieri

cara 4

A Piedimonte Matese i carabinieri della locale Stazione hanno deferito, all’Autorità Giudiziaria, un 43enne del luogo, poiché si è reso responsabile del reato di minaccia aggravata mediante l’uso di un’ascia da boscaiolo, esibita solo a distanza, nei confronti di un 55enne anch’egli di Piedimonte Matese. L’episodio è avvenuto nel piazzale dell’ospedale di Piedimonte Matese. Il 43enne ha inseguito il 55enne e, raggiuntolo, lo ha colpito fisicamente ripetute volte, sino a che è riuscito a rifugiarsi all’interno del Pronto Soccorso, dove i sanitari hanno impedito all’aggressore di continuare la sua azione. Il 55enne, vittima dell’aggressione, è stato ricoverato in osservazione per due giorni con una prognosi di cinque giorni. Le indagini, svolte dal personale dell’Arma, hanno consentito di rintracciare tempestivamente l’aggressore, al quale è stata anche sequestrata l’ascia utilizzata per le minacce.

 

Fonte Il Mattino

Caserta, 4 luglio 2015