Minacciata di violenza sessuale da un sconosciuto, dopo 10 anni la scoperta shock

smartphone

Per anni era stata minacciata da uno sconosciuto che le inviava messaggi e email anonimi minacciandola anche di violenza sessuale tanto da fare scattare in lei la paura di uscire di casa da sola. Dopo dieci anni però l’incredibile scoperta, lo stalker era il marito. Protagonista dell’incredibile storia una donna statunitense residente nella piccola cittadina di Linden, nello stato dell’Utah. La donna a causa delle continue minacce aveva anche iniziato ad accusare disturbi psichici e aveva dovuto fare uso di farmaci. Stanca di essere vittima dello stalker che era arrivato ad inviarle anche una decina di email al giorno, infine la donna si è rivolta alla polizia locale spiegando l’accaduto. Dopo alcune indagini i poliziotti sono riusciti a ricostruire l’accaduto scoprendo però con sconcerto che il mittente dei messaggi era proprio il marito della signora.

Una notizia scioccante per la donna che per avere sostegno psicologico si era proprio rivolta al marito. Secondo gli inquirenti invece era lo stesso 49enne ad aver architettato tutto per gelosia e per legarla più strettamente a lui. Secondo l’accusa l’uomo aveva creato diversi profili e indirizzi email per portare a termine il suo piano. Ora i due, genitori di due figli, sono separati e l’uomo è incriminato per una decina di capi di imputazione connessi allo stalking e destinatario di una misura interdittiva che gli impedisce di avvicinarsi alla donna

9 luglio 2015

fonte FanPage

AP