Avvocato spara alla moglie e la uccide, poi chiama il 113 e si suicida

poli 4

Omicidio-suicidio questa mattina a Quartu Sant’Elena, nell’hinterland di Cagliari.

Un avvocato di 74 anni, Gilberto Nurra, ha sparato alla moglie, Franca Mastinu, di 66 anni, uccidendola, e poi si è tolto la vita. Il fatto è avvenuto in un appartamento in via Irlanda.

Poco prima delle 8 l’avvocato, dopo aver sparato in testa alla moglie, avrebbe telefonato al 113 annunciando il suo suicidio. Poi si è puntato la pistola, una calibro 7,65 legalmente detenuta, al petto e ha fatto fuoco. Il corpo della donna è stato rinvenuto in camera da letto, mentre quello dell’avvocato all’ingresso. Attualmente sul posto sta operando la Squadra Mobile di Cagliari. Sul posto è anche arrivato il magistrato Alessandro Pili.

A casa dell’avvocato è stato trovato un biglietto scritto al plurale in cui si spiegano le ragioni del gesto. Viene descritta una situazione economica difficile, insostenibile, problemi a pagare affitto e bollette, poi le frasi in cui annunciano di volerla fare finita. Non si sa, al momento, se il biglietto sia firmato da marito e moglie. Ad appesantire la situazione anche problemi di salute per entrambi i coniugi.

 

Fonte Il Messaggero

Cagliari, 10 luglio 2015