Scambia amanti per ladri. Contadino spara in aria per metterli in fuga

armi sparatoria fucile carabina
Bersagliato dai furti, aveva preso l’abitudine di fare un giro di controllo della sua proprietà prima di andare a dormire. Una sera, quella del 18 febbraio dello scorso anno, ha notato un’automobile con due persone a bordo che sembravano armeggiare intorno a qualcosa, a poca distanza da un escavatore. Temendo si trattasse di ladri di gasolio, ha esploso due colpi di fucile in aria per metterli in fuga.

Così un agricoltore della Bassa Friulana di 54 anni è finito davanti al giudice: le due persone nell’automobile, infatti, non erano malviventi ma una coppia appartatasi in cerca di intimità: friulana lei, veneto lui, entrambi cinquantenni. Spaventati, i due erano corsi a denunciare il fatto ai carabinieri che avevano avviato un’indagine.

L’agricoltore, accusato di esplosioni pericolose, porto abusivo d’armi e minaccia aggravata dall’uso di un’arma, è stato condannato oggi, mercoledì 15 luglio, a 10 giorni di arresto per aver portato fuori
dall’abitazione il fucile, regolarmente detenuto.

Il giudice monocratico del Tribunale di Udine gli ha concesso i doppi benefici della sospensione e non menzione. Lo ha assolto invece dalle accuse di esplosioni pericolose e minaccia aggravata.

15 luglio 2015

fonte Corriere Adriatico

AP