Isis, presi jihadisti a Brescia: “Colpiremo Milano e Roma”

Presi un tunisino e un pachistano. Progettavano azioni in Italia. “Stiamo localizzando gli obiettivi, in attesa dell’ora X”
presijihadisti

La rete dello Stato islamico si insinua tra le pieghe della società italiana. Questa mattina sono stati messi a segno altri due arresti eccellenti: due immigrati, un tunisino di 35 anni e un pachistano di 27 anni, sono finiti in manette a Brescia con l’accusa di “associazione con finalità di terrorismo anche internazionale” e di “eversione dell’ordine democratico”.

Le indagini condotte dagli uomini della Digos e del servizio polizia postale hanno permesso di accertare che gli indagati sostenevano lo Stato islamico svolgendo attività di istigazione pubblica in rete.

Il tunisino aveva creato su Twitter l’account Islamic_State_in_Rom e, insieme al complice pachistano, progettava azioni terroristiche sul territorio italiano. Nel corso dell’operazione contro il terrorismo internazionale denominata “Bay’a”, la polizia postale è riuscita a risalire a decine di messaggi minacciosi a firma Islamic State che avevano sullo sfondo alcuni luoghi-simbolo di Roma e Milano. “Siamo nelle vostre strade – si legge in uno di questi messaggi – siamo ovunque”. “Stiamo localizzando gli obiettivi – si legge su un altro – in attesa dell’ora X”. Questi alcuni dei messaggi, scritti a penna, in italiano, arabo e francese, su alcuni foglietti che venivano tenuti in mano avendo sullo sfondo luoghi simbolo come, appunto, il Colosseo, il Duomo o la Stazione Centrale di Milano. I terroristi si facevano poi immortalare accanto a mezzi della polizia e dei vigili, fermate della metropolitana, tratti autostradali e bandiere di Expo 2015.

22 luglio 2015

AP