Il contingente italiano nell’ esercitazione UNIFIL “Semper Collegatum”

esercitazione Libano​​​

UNIFIL, EX SEMPER COLLEGATUM: IL SECTOR WEST AFFINA LE CAPACITÀ DI COLLEGAMENTO ANCHE IN EMERGENZE METEOROLOGICHE

Si è conclusa ieri l’esercitazione “Semper Collegatum” – attività di addestramento altamente specialistico guidata dalla branca comunicazioni (J6) del quartier generale UNIFIL – che ha coinvolto reparti ed equipaggiamenti delle trasmissioni di tutto lo schieramento internazionale della missione per testare il loro grado di interoperabilità.

Ulteriore scopo dell’esercitazione, affinare le capacità di comando e controllo del personale e degli assetti sul terreno e migliorare la capacità di collegamento in una situazione di presunta emergenza meteorologica, per la missione multinazionale che opera nel Sud del Libano in attuazione della risoluzione 1701 delle Nazioni Unite.

I trasmettitori italiani della task force C4 (comando, controllo, comunicazione, computer) su base 7° reggimento trasmissioni di Sacile (PN), responsabili di fornire tutti i servizi di comunicazione per il Settore Ovest,  hanno schierato il posto comando avanzato all’interno della base “Millevoi” di Shama, sede del quartier generale.

L’esercitazione è inserita tra le attività addestrative congiunte a livello internazionale a cui il contingente italiano – su base Brigata aeromobile Friuli al comando del generale di brigata Salvatore Cuoci – partecipa attivamente.

23 luglio 2015 –  Shama (Libano)